Jump to content
  • PERCHE' NASCE "IL PENSIERO CATTOLICO".
    La Fede Cattolica non è una Fede qualsiasi, non ha nulla a che fare con una religione qualsiasi. "Dove tutte le #verità si danno appuntamento" diceva Chesterton. E' bellissima, piena, solida, luminosa, avvolgente, forte e mite contemporaneamente ma, soprattutto, ti dona la #libertà che solo la Fede in Cristo, piena, può dare. 

    Il nostro piccolo compito, come laici e clero , è quello di mostrare a tutti quanto non ci sia nulla di più bello di Essa e ridare fiato ad un popolo, cattolico, che sebbene ripetutamente colpito, è ancora in piedi, fedele.

Blogs

What is expected of Pope Francis' Apostolic Exhortation? Unity or Truth? Is the Pope always foolproof? Don Bux replies.

What is expected of Pope Francis' Apostolic Exhortation? Unity or Truth? Is the Pope always foolproof? Don Bux replies.

Interview with Don Nicola Bux* by Vito Palmiotti. Here the original  Italian Version. In view of the imminent publication of the Apostolic Exhortation that will follow the Amazon Synod , we are witnessing a radicalization of ultra-style positions to the point that, for example, if Ratzinger and Sarah write reflections, they shout at success on one side and scandal on the other, there is a sort of standing ovation of a faction to the only hypothesis of withdrawal of the signature of Benedett

Claudio C.

Claudio C.

Cosa ci si aspetta dall'Esortazione Apostolica di Papa Francesco? Unità o Verità? Il Papa è infallibile sempre? Don Bux risponde.

Cosa ci si aspetta dall'Esortazione Apostolica di Papa Francesco? Unità o Verità? Il Papa è infallibile sempre? Don Bux risponde.

Intervista a Don Nicola Bux a cura di Vito Palmiotti. In vista dell’ imminente pubblicazione dell’Esortazione Apostolica che seguirà il sinodo sull’Amazzonia, stiamo assistendo ad una radicalizzazione di posizioni stile ultrà al punto che, ad esempio, se Ratzinger e Sarah scrivono delle riflessioni si urla al successo da una parte e lo scandalo dall’altra, si assiste a una sorta di standing ovation di una fazione alla sola ipotesi di ritiro della firma di Benedetto, salvo poi sdegnarsi quan

Claudio C.

Claudio C.

IL LAVORO COME MEZZO DI SANTIFICAZIONE TRAMITE L'AFFIDAMENTO QUOTIDIANO A DIO E L'INVESTIMENTO DEI NOSTRI TALENTI PER LA SUA GLORIA

IL LAVORO COME MEZZO DI SANTIFICAZIONE TRAMITE L'AFFIDAMENTO QUOTIDIANO A DIO E L'INVESTIMENTO DEI NOSTRI TALENTI PER LA SUA GLORIA

San Giuseppe Moscati, grande medico napoletano, non visse a lungo, ma riempì il suo tempo della presenza del Signore. Ogni giorno iniziava la giornata alle cinque del mattino e faceva due ore di preghiera. Faceva la sua meditazione e assisteva alla Messa. Riceveva la Santa Comunione e faceva un lungo ringraziamento. Senza queste due ore, soprattutto senza la Santa Comunione, egli diceva di non avere il coraggio di entrare in sala medica per le visite agli ammalati. Dopo le due ore di pregh

Valerio

Valerio

LE PRINCIPALI INDULGENZE PLENARIE RICONOSCIUTE DALLA CHIESA

LE PRINCIPALI INDULGENZE PLENARIE RICONOSCIUTE DALLA CHIESA

1) Indulgenza del Giubileo - Ogni venticinque anni (giubileo ordinario) o in circostanze speciali, come nel centenario della redenzione (giubileo straordinario), il Sommo Pontefice suole concedere un'indulgenza plenaria che si può acquistare a Roma entro la fine dell'anno giubilare. Trascorso questo il Papa suole estendere per alcuni mesi o per un anno intero l'indulgenza a tutto il mondo. L'indulgenza plenaria dell'anno giubilare si può acquistare ogni volta che si compiono le opere prescritte

Valerio

Valerio

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI. Della Penitenza (o Confessione); 10. Delle Indulgenze

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI. Della Penitenza (o Confessione); 10. Delle Indulgenze

L'indulgenza è la remissione della pena temporale dovuta per i nostri peccati, già rimessi quanto alla colpa; remissione che la Chiesa accorda fuori del sacramento della Penitenza. La Chiesa ha ricevuto la facoltà di dare le indulgenze dallo stesso Gesù Cristo. La Chiesa ci rimette la pena temporale per mezzo delle indulgenze, applicandoci le soddisfazioni sovrabbondanti di Gesti Cristo, di Maria SSma, e dei Santi, le quali formano ciò che dicesi il tesoro della Chiesa. Il potere di conceder

Valerio

Valerio

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI: "Della Penitenza (o Confessione); 9. Della soddisfazione, ossia penitenza

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI: "Della Penitenza (o Confessione); 9. Della soddisfazione, ossia penitenza

La soddisfazione, che chiamasi anche penitenza sacramentale, è uno degli atti del penitente, col quale egli dà un qualche risarcimento alla giustizia di Dio per i peccati commessi, eseguendo quelle opere che il confessore gli impone. Il penitente è obbligato ad accettare la penitenza ingiuntagli dal confessore, se può farla; e se non può farla, deve dirlo umilmente al confessore stesso, e domandarne un'altra. Se il confessore non ha prescritto un tempo preciso per assolvere alla penitenza,

Valerio

Valerio

SOLENNE PROFESSIONE DI FEDE DA FARSI NELLA FESTA DELL'EPIFANIA

SOLENNE PROFESSIONE DI FEDE DA FARSI NELLA FESTA DELL'EPIFANIA

Io credo in Dio Padre Onnipotente, Creatore del cielo e della terra, e in Gesù Cristo, suo unico Figliuolo, Nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morto e seppellito, discese all’inferno, il terzo giorno resuscitò da morte, salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente, di là ha da venire a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la Santa Chiesa Cattolica, la Comunione dei Santi, la remi

Valerio

Valerio

CIO' CHE MANCA AL CUORE DELL'UOMO FIN QUANDO NON PUO' RIPOSARE IN DIO

CIO' CHE MANCA AL CUORE DELL'UOMO FIN QUANDO NON PUO' RIPOSARE IN DIO

Il cuore umano non ha un contorno perfetto e regolare ma ha una forma leggermente irregolare come se un piccolo pezzo mancasse di lato. Questo pezzo mancante, può benissimo simboleggiare quel pezzo che una lancia ha strappato dal Cuore di Cristo, dal Cuore Universale dell'Umanità sulla Croce, ma probabilmente rappresenta qualcosa di più. Può benissimo rappresentare che quando Dio creò ogni cuore umano, Egli conservò un piccolo pezzo in Cielo nell'Eternità e inviò il resto nel mondo del T

Valerio

Valerio

FESTA DELLA CIRCONCISIONE DEL SIGNORE

FESTA DELLA CIRCONCISIONE DEL SIGNORE

Il 1mo Gennaio la Chiesa, oltre alla Solennità di Maria Santissima Madre di Dio, celebra anche quella della Circoncisione di Nostro Signore. Questa festa è istituita per celebrare la memoria del sangue sparso da Gesù Cristo nei primi giorni della sua vita. La circoncisione, nella legge antica, era un rito istituito da Dio, per contrassegnare coloro che appartenevano al Suo popolo, distinguendoli dalle genti infedeli. Gesù Cristo certamente non era soggetto alla legge della circoncisione, perch

Valerio

Valerio

DOBBIAMO RICOSTRUIRE LA CATTEDRALE, NON FONDARE UNA NUOVA CHIESA

DOBBIAMO RICOSTRUIRE LA CATTEDRALE, NON FONDARE UNA NUOVA CHIESA

Cardinale Sarah: "Dobbiamo ricostruire la cattedrale ... Non abbiamo bisogno di inventare una nuova Chiesa" Se Dio perde il suo posto centrale e primario, l'uomo perde il proprio posto, non trova più il suo posto nella creazione, nei suoi rapporti con gli altri. Il moderno rifiuto di Dio ci imprigiona in una nuova forma di totalitarismo: un relativismo che non ammette altro che la legge del profitto. Dobbiamo spezzare le catene che questa nuova ideologia totalitaria vuole imporci! Se l'uomo

Claudio C.

Claudio C.

13 DICEMBRE; SANTA LUCIA

13 DICEMBRE; SANTA LUCIA

da: dom Prosper Guéranger, L’anno liturgico. Il nome di Lucia si trova unito a quello di Agata, di Agnese e di Cecilia nel Canone della Messa. Nei giorni dell’Avvento, il nome di Lucia annuncia la Luce che si appressa, e consola meravigliosamente la Chiesa. Lucia è anche una delle tre glorie della Sicilia cristiana; trionfa a Siracusa come Agata brilla a Catania, e come Rosalia cosparge dei suoi profumi Palermo. Festeggiamola dunque con amore, affinché ci sia d’aiuto in questo sacro temp

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; NONO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; NONO GIORNO

- dagli scritti di padre Antonio Maria Di Monda - “Maria è regina perché Madre di Dio. La divina Maternità è il fondamento di tutta la grandezza di Maria. E’ così poco logica la posizione dei Protestanti, in merito. Come si può ritenere Maria una donna come tutte le altre, dopo aver generato il Verbo di Dio incarnato? La madre, proprio per la generazione, acquisisce relazioni e meriti unici: per il figlio essa è uno dei massimi beni e valori. Accanto al Figlio, perciò, nella ricchezza e nel

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; OTTAVO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; OTTAVO GIORNO

- dagli scritti di padre Antonio Maria Di Monda - “Che gioia e che grazia avere una Madre così clemente come Maria. Questo, tra l’altro, apre soprattutto alla speranza di poter ottenere da Dio la potente intercessione di Lei, nonostante tutte le miserie che possono opprimere un povero cuore, il perdono delle colpe e dei castighi meritati e l’ingresso sospirato, porto della salvezza eterna. Virgilio ha scritto che il popolo romano aveva per sua missione di debellare e pacificare il mond

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; SETTIMO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; SETTIMO GIORNO

- dagli scritti di padre Antonio Maria Di Monda - “Si ricorre volentieri a Maria, Mamma di tutti, così come, nella famiglia umana, si ricorre volentieri più alla mamma che al padre, forse perché il legame con la mamma è avvertito più facilmente. E si ricorre di preferenza a Maria per una misteriosa disposizione di Dio stesso. Egli gode perciò se, alla voce del Figlio assolutamente indispensabile e determinante, si associ quella della Madre.” PREGHIERA Eterno Divin Padre, io vi ado

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; SESTO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; SESTO GIORNO

- dagli scritti di padre Antonio Maria Di Monda - “La vita è una dura battaglia. Ma se si avesse la ventura di combattere agli ordini di un prodigioso capitano, predestinato a vincere tutte le battaglie, il combattere stesso sarebbe una gioia e una gloria. La certezza di vincere rende l’uomo un leone. E’ questa la ventura dell’anima che crede e spera in Maria: le sue battaglie ne galvanizzano tutte le forze perché sa bene che se tra Maria e il dragone infernale c’è inimicizia e lotta furibo

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; QUINTO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; QUINTO GIORNO

- dagli scritti di padre Antonio Maria Di Monda - “Come ogni mamma che difende e protegge il suo figlio, anche il più disgraziato, l’Immacolata, alla quale Gesù ha affidato tutta l’umanità, non fa che difendere, scusare, proteggere.“ PREGHIERA Eterno Divin Padre, io vi adoro profondamente e con tutto il mio cuore vi ringrazio per quella somma potenza con cui avete preservato Maria Vergine, vostra dilettissima Figlia, dal peccato originale 1 Pater e 4 Ave intercala

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; QUARTO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; QUARTO GIORNO

- dagli scritti di padre Antonio Maria Di Monda - “Quanto perde il mondo quando si priva della psicologia della donna: tutto e l’uomo stesso, diventano più duri, più freddi, senza anima. Qualcosa del genere è capitato al protestantesimo che ha bandito il culto e la presenza di Maria dal cuore dei credenti. Ne è risultato un mondo senza anima, una religione senza calore. La nostalgia di un cuore materno affiora dalle confessioni di tanti nostri fratelli separati. Anche chi scrive ricorda di

Valerio

Valerio

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; TERZO GIORNO

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE; TERZO GIORNO

- dagli scritti di Padre Antonio Maria Di Monda - “Tutti i vivi della grazia sono, in qualche modo, generati da Maria, che, generando Gesù, genera in qualche modo anche tutti quelli che Gli appartengono.” PREGHIERA Eterno Divin Padre, io vi adoro profondamente e con tutto il mio cuore vi ringrazio per quella somma potenza con cui avete preservato Maria Vergine, vostra dilettissima Figlia, dal peccato originale 1 Pater e 4 Ave intercalate da: Sia Benedetta la Santa e Immacol

Valerio

Valerio

NOVENA ALL’IMMACOLATA CONCEZIONE; SECONDO GIORNO

NOVENA ALL’IMMACOLATA CONCEZIONE; SECONDO GIORNO

- dagli scritti di Padre Antonio Maria Di Monda - “Se gli occhi di Maria sono ammirabili occhi di misericordia, è chiaro che l’anima non aspira che a farsi guardare da essi: ‘Volgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi’, nella certezza assoluta di essere aiutata. Una mamma, come Maria, se vede soffrire un suo figlio non può vivere, e nulla potrà consolarla se non quando avrà visto la sua creatura rasserenata e contenta.“ PREGHIERA Eterno Divin Padre, io vi adoro profondamente e c

Valerio

Valerio

NOVENA ALL’IMMACOLATA CONCEZIONE; PRIMO GIORNO

NOVENA ALL’IMMACOLATA CONCEZIONE; PRIMO GIORNO

- dagli scritti di Padre Antonio Maria Di Monda - “Dio si serve, per i suoi disegni di amore, anche della clemenza della donna e, in maniera privilegiata, si serve della Donna per eccellenza, Maria.” PREGHIERA Eterno Divin Padre, io vi adoro profondamente e con tutto il mio cuore vi ringrazio per quella somma potenza con cui avete preservato Maria Vergine, vostra dilettissima Figlia, dal peccato originale 1 Pater e 4 Ave intercalate da: Sia Benedetta la Santa e Immacolata C

Valerio

Valerio

SAN GIOVANNI BOSCO INCONTRA IN SOGNO SUA MADRE

SAN GIOVANNI BOSCO INCONTRA IN SOGNO SUA MADRE

Nell'Agosto del 1860 San Giovanni Bosco fece un sogno in cui, mentre tornava dall'oratorio, incontrò sua madre, morta quattro anni prima. Il suo aspetto era bellissimo. Figuratevi l'emozione che provò: "Voi qui, o madre, esclamò, ma non siete già morta?"; - "Sono morta, ma vivo", gli rispose la madre; - "E siete felice?" - "Felicissima". Il venerabile Servo di Dio allora le domandò se fosse volata subito in cielo dopo la morte, ed essa rispose di no; le domandò conto di alcuni giovanetti

Valerio

Valerio

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI Della Penitenza (o Confessione); 8. Dell'Assoluzione

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI Della Penitenza (o Confessione); 8. Dell'Assoluzione

I confessori debbono dare l'assoluzione solamente a quelli che essi giudicano ben disposti a riceverla. I confessori non solamente possono, ma debbono differire o negare l'assoluzione in certi casi, per non profanare il sacramento. I penitenti che debbono ritenersi mal disposti sono questi principalmente: 1. coloro che non sanno i misteri principali della fede o trascurano d'imparare le altre cose della Dottrina cristiana, che sono obbligati a sapere secondo il loro stato; 2. color

Valerio

Valerio

×
×
  • Create New...

Important Information

Informativa Privacy