Jump to content

Don Bux: "Si vuol provocare l'uscita dalla Chiesa di quanti sono fedeli alla morale cattolica?"


Claudio C.

1,523 views

Il card. Martini mise in guardia dalla papolatria: ed era pontefice Giovanni Paolo II. Il card. Ruini ha detto di recente che criticare il papa non vuol dire essere contro di lui.

Che sta succedendo? Quelli che hanno sostenuto sempre la dottrina cattolica, vengono ritenuti nemici del papa, quando è noto che solo chi ama la verità è un vero amico: Amicus Plato, sed magis amica veritas. 

In seguito alle dichiarazioni riemerse di papa Bergoglio, chi ha il pensiero cattolico si chiede: il papa non gode dell'assistenza speciale dello Spirito Santo? Risposta: sì, se è "attaccato alla dottrina sicura, secondo l'insegnamento trasmesso" alla Chiesa (cfr Lettera di san Paolo apostolo a Tito 1,9), ossia "un insegnamento che porta ad una migliore intelligenza della Rivelazione in materia di fede e di costumi"(Catechismo della Chiesa Cattolica, 892); no, se comunica sue opinioni da esso difformi. Il cattolico medievale sapeva distinguere i due "corpi" del papa: il corpo dell'uomo e il corpo del vicario, ossia quando esprime sue opinioni o quando insegna le parole di Cristo. Nel primo caso, il cattolico (ma anche il laico che segue la retta ragione) non è tenuto ad aderire con religioso ossequio dello spirito, tanto meno con l'ossequio della fede (cfr Ibidem).

Il polverone mediatico provocato dalle opinioni dell'uomo Bergoglio sul riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali, se è stato sollevato per dare assistenza a Biden o Zan, visto che l'ufficio delle comunicazioni vaticane aveva censurato, in precedenza, le frasi imbarazzanti; o se è venuto fuori per iniziativa del Festival del Cinema di Roma, suscita il consenso dei cattolici conformi all'ideologia corrente, ma lascia smarrita quella parte di cattolici che ha ancora il sensus fidei.

Inoltre, c'è da osservare che, queste opinioni costituiscono un' ingerenza della suprema autorità ecclesiastica nell'ambito civile, dato che auspicano una legge che dia famiglia alla categoria suindicata. Si può supporre che tale passo sia stato compiuto, per autorizzare poi i chierici - quelli sempre pronti ad abbracciare le mode - alla benedizione delle unioni civili? Non pochi segnali vanno in questa direzione. Ma, il polverone era proprio opportuno in questo momento di scandali vaticani? Bisogna ricordare che ai sinodi dei giovani e della famiglia, furono avanzati suggerimenti che contenevano già tali aperture, ma non ottennero il consenso ampio dei padri e furono riportate in modo generico nelle Esortazioni apostoliche seguenti. Fatto sta che alla ribalta vaticana, in questi sette anni, sono venuti personaggi inclini a tali opinioni o coinvolti personalmente in esse. Cui prodest, sollevare il polverone, mentre il pontificato ottiene applausi da chi è fuori della Chiesa, ma una levata di scudi da chi è cattolico? Al di là delle supposizioni, dispiace per i poveri ecclesiastici e laici, che, mancando di strumenti critici, sono smarriti.

Si vuol provocare l'uscita dalla Chiesa di quanti sono fedeli alla morale cattolica? Non bisogna cadere in questa tentazione, ma fare resistenza con la fede.

Perciò, vanno rilette le Considerazioni della Congregazione per la Dottrina della Fede circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali, Città del Vaticano 2003 (qui), pubblicate il 3 giugno, nella memoria dei santi martiri ugandesi, che diedero la vita per essersi rifiutati di soggiacere alle lusinghe del re che aveva simili intenti.

sancarloslwanga.jpg.87da119a1943d3c3490350696f8bdcc8.jpg

 

0 Comments


Recommended Comments

There are no comments to display.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information

Informativa Privacy