Jump to content
  • Blogs

    1. "Alfonso, re di Leon e di Galizia, desiderando che tutti i suoi familiari ed il popolo onorassero la Madre di Dio per mezzo della recita del santo Rosario, decise di dare per primo l’esempio. Per attirare l’attenzione dei sudditi, volle attaccarsi alla cinta un grosso Rosario in modo che gli pendesse dal fianco e tutti lo potessero vedere, ma la sua devozione alla Mamma del Cielo era solo apparente perché questo re, pur portando con sé tutti i giorni la grande Corona, non recitava il Rosario.
      Il nemico delle anime, il diavolo, era contento che il re sembrasse devoto della Madonna ma senza esserlo davvero perché con questo inganno sperava di portarselo all’inferno.
      Il popolo che non conosceva la negligenza del re, pensava che amasse veramente la Vergine Santa, quindi, obbedendo al suo ordine si obbligò a recitare con fervore quotidiano il santo Rosario.
      Passò molto tempo ed un bel giorno il re si ammalò gravemente … Si sentiva così male che tutti lo credevano morto!
      Mentre era in questo stato, per una straordinaria grazia concessagli da Dio, fu rapito nello spirito e portato al tribunale di Gesù Cristo.
      Vide i diavoli che l’accusavano di tutti i crimini che aveva commesso, e il Giudice divino che era sul punto di condannarlo!
      Il povero re era disperato, perché, con gli occhi dell’anima, vedeva l’inferno aperto e pronto a riceverlo … e non poteva in alcun modo ormai riparare al male che aveva fatto.
      Quando all’improvviso … Oh! Meraviglia! Apparve la Santissima Vergine che, come la più tenera delle madri si rivolgeva a Gesù per intercedere misericordia.
      La Mamma celeste si fece portare dagli Angeli una bilancia. Tutti i peccati del re furono messi su un piatto e Lei, con le Sue mani immacolate, mise sull’altro piatto il grosso Rosario che egli aveva portato in Suo onore, insieme a tutti i Rosari che aveva fatto recitare al popolo.
      E cosa vide allora il re?…
      Con suo grande stupore si rese conto che il peso dei Rosari faceva scendere la bilancia in suo favore! Non credeva ai suoi occhi! Eppure succedeva proprio così!
      La Vergine Santa lo guardava con sguardo di misericordia mentre gli diceva: “Ho ottenuto da mio Figlio, per ricompensa del piccolo servizio che mi hai reso portando il Rosario, il prolungamento della tua vita per qualche anno. Impegna bene il tempo che ti rimane e fai penitenza”.
      Il re, riavutosi da questo rapimento, gridò: “O beato Rosario della Santa Vergine, per mezzo del quale sono stato liberato dalla dannazione eterna!”.
      Appena ebbe ricuperata la salute, si mise a fare penitenza; non lasciò mai più la recita quotidiana del santo Rosario e, giunto ormai alla fine della vita, morì santamente protetto dall’assistenza della Mamma Celeste."

    2. DOMANDA

      La preghiera Eucaristica dobbiamo considerarla tutta consacratoria.

      RISPOSTA:

      Una prima osservazione: se tutta l’anafora è consacratoria, allora niente è consacratorio di quella preghiera; bisognerebbe infatti, spiegare perché mai gli studiosi l’abbiano distinta in più parti(prefazio, epiclesi, anamnesi, intercessioni, ecc).

      Del resto, nel pensiero dei padri l’epiclesi allo Spirito è operante ed efficace per le parole di Cristo. Alcune testimonianze:

            Giovanni Crisostomo:

           “Non è l’uomo a far sì che le offerte divengano il corpo e il sangue di Cristo, ma Cristo stesso, crocifisso per noi. Il prete è lì a rappresentarlo e pronuncia le parole, ma la potenza e la grazia sono di Dio. Questo è il mio corpo, egli dice. Questa parola trasforma le offerte”[1].

       

      Tommaso d’Aquino ha portato il suo contributo decisivo:

      “ …la conversione (eucaristica) di cui parliamo è istantanea. Primo, perché la sostanza del corpo di Cristo, alla quale termina questa conversione, non ammette un più e un meno. Secondo, perché in questa conversione non c’è un soggetto da preparare gradualmente. Terzo, perché viene compiuta dall’infinita virtù di Dio.(…) Perciò si deve rispondere che questa conversione avviene, come si è detto, per le parole di Cristo proferite dal sacerdote, in modo che l’ultimo istante della dizione di quelle parole è il primo istante della presenza del corpo di Cristo nel sacramento, mentre in tutto il tempo precedente c’era la sostanza del pane”[2].

             Dunque, il concilio Tridentino non ha dovuto fare altro che registrare un dato: “Nella Chiesa di Dio c’è stata sempre la fede che subito dopo la consacrazione c’è il vero corpo di N.S.G.Cristo e il suo vero sangue sotto la specie del pane e del vino insieme alla sua anima e divinità. Ma il corpo sotto la specie del pane, il sangue sotto la specie del vino in forza delle parole,ecc”[3].

             Si obietta da parte di alcuni liturgisti che Tommaso e il concilio di Trento non erano sensibili alla vita liturgica e alla lex orandi e perciò avrebbero avallato una concezione statica dell’eucaristia, mentre attribuendo valore consacratorio all’epiclesi ne riceverebbe impulso quella dinamica. A parte un certo sapore calvinista di tale proprietà attribuita all’eucaristia, si dovrebbe osservare che, nell’economia biblica come in quella liturgica, lo Spirito viene invocato ed effuso prima perché deve condurre a Cristo, proprio come nell’iniziazione sacramentale: dal battesimo alla confermazione e all’eucaristia. In ogni caso, che lo Spirito s’invochi prima o dopo, o prima e dopo, di certo conduce a Cristo e non da un’altra parte e opera una cum Patre et Filio.

      Osserva sant’Ambrogio: “…che dire della benedizione fatta da Dio stesso dove agiscono le parole medesime del Signore e Salvatore? Giacché questo sacramento che tu ricevi si compie con la parola di Cristo…La parola di Cristo, dunque, che ha potuto creare dal nulla quello che non esisteva, non può cambiare le cose che sono in ciò che non erano? Infatti non è meno difficile dare alle cose un’esistenza che cambiarle in altre… Lo stesso Signore Gesù proclama: ‘Questo è il mio corpo’. Prima della benedizione delle parole celesti la parola indica un particolare elemento. Dopo la consacrazione ormai designa il corpo e il sangue di Cristo. Egli stesso lo chiama suo sangue. Prima della consacrazione lo si chiama con un altro nome. Dopo la consacrazione è detto sangue. E tu dici:”Amen”, cioè, “E’ così””[4].

           

            Si comprende la crescente consapevolezza ecclesiale, culminata nelle definizioni dei concili di Firenze e di Trento, che le parole della consacrazione siano costitutive del gesto eucaristico e necessarie per la fede cattolica[5].

          Inoltre, l’elevazione delle specie consacrate, nata dalla pietà medievale, è il segnale che il mistero si è compiuto nella transustanziazione e costituisce anche l’invito all’adorazione. Analogamente le rubriche della liturgia bizantina prescrivono che il sacerdote reciti le parole a capo chino, alzando in modo epicletico e reverente la destra sul pane e dopo segnando con la croce il calice, prima di pronunciare le parole [6]. Se l’invocazione dello Spirito è operante ed efficace, secondo i padri suddetti, con le parole dell’istituzione, non è sostenibile la valenza consacratoria dell’epiclesi.

           Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che “Nel racconto dell’istituzione l’efficacia delle parole e dell’azione di Cristo, e la potenza dello Spirito Santo, rendono sacramentalmente presenti sotto le specie del pane e del vino il suo Corpo e il suo sangue, il suo sacrificio offerto sulla croce una volta per tutte”(1353); inoltre, che “la presenza eucaristica di Cristo ha inizio al momento della consacrazione e continua finché sussistono le specie eucaristiche” (1377). Quindi, si conosce il momento preciso: dopo le parole di Cristo comincia la presenza e quindi l’adorazione. Non è un limite legato alla nozione di tempo fisico: è l’istante di Dio che è diventato tempo sacramentale, da quando egli, l’eterno, è entrato nel tempo fisico e vi si è sottomesso. I teologi contemporanei non ci hanno resi sensibili all’hic et nunc della liturgia?  Perché scandalizzarsi allora del momento preciso? Il cristianesimo non è l’evento di un dio mitico senza tempo. Questo noi crediamo e insegniamo.

      Resta il confine additato da Paolo VI: “Ogni spiegazione teologica, che tenti di penetrare in qualche modo questo mistero, per essere in accordo con la fede cattolica deve mantenere fermo che nella realtà obbiettiva, indipendentemente dal nostro spirito, il pane e il vino han cessato di esistere dopo la consacrazione, sicché da quel momento sono il corpo e il sangue adorabili del Signore Gesù ad essere realmente presenti dinanzi a noi sotto le specie sacramentali del pane e del vino”. (Solenne professione di fede, 30 giugno 1968,25: AAS 60(1968), 442-443). 

       

      [1]              De proditione Iudae, Homilia I,PG 49, col 380, in particolare 389-390.

      [2]              Summa Theologiae, III pars, q.75,a.7: ed.Salani,1971, vol XXVIII,p 109-112.

      [3]              Acta Concili Tridentini, Sessione XIII, cap.3:Denzinger, 1640.

      [4]              De mysteriis,52.54;  SCh 25 bis, 188.

      [5]   Concilio di Firenze, Decretum pro Armenis;DS 1321; Concilio di Trento, Doctrina de ss.Missae  Sacrificio; DS 1740-1: che sottolinea : <uti semper catholica Ecclesia intellexit et docuit> (cap 1).

      [6]   Cfr lo studio classico di M.Gordillo, L’epiclesi eucaristica.Controversie con l’Oriente bizantino-slavo, in A.Piolanti(a cura   di),Eucaristia. Il mistero dell’altare nel pensiero e nella vita della Chiesa, Roma 1957.

    3. Il primo precetto della Chiesa ci ordina di assistere devotamente alla Santa Messa in tutte le domeniche e nelle altre feste di precetto.
      "Domenica" vuol dire giorno del Signore, cioè giorno specialmente consacrato al divino servizio.
      Nel primo comandamento della Chiesa si fa menzione speciale della domenica, perché essa è la festa principale presso i cristiani come il sabato era festa principale presso gli ebrei, istituita da Dio stesso.
      La Chiesa ha istituito anche le feste di nostro Signore, della santissima Vergine, degli Angeli e dei Santi.
      La Chiesa ha istituito altre feste di nostro Signore in memoria de' suoi divini misteri.
      Le feste della santissima Vergine, degli Angeli e dei Santi, sono state istituite: 1° in memoria delle grazie che Dio loro ha fatte, e per ringraziarne la divina bontà; 2° affinché noi li onoriamo, imitiamo i loro esempi e siamo aiutati dalle loro preghiere.

    4. a cura di P. Francesco Solazzo*


      Il Catechismo Maggiore di S. Pio X, al n. 830, presenta il Matrimonio cristiano con queste parole: “Il Matrimonio è un sacramento, istituito da nostro Signore Gesù Cristo, che stabilisce una santa ed indissolubile unione tra l’uomo e la donna, e dà loro la grazia di amarsi l’un l’altro santamente e di allevare cristianamente i figliuoli”. E al n. 518 dice che “Con la parola sacramento s’intende un segno sensibile ed efficace della grazia, istituito da Gesù Cristo per santificare le anime nostre”.

      In poche parole, significa che il Sacramento è direttamente opera di Dio che agisce attraverso i segni e non dipende nella maniera assoluta dalla degnità e indegnità dei ministri che lo celebrano. Ogni Sacramento, inoltre, trova la sua efficacia nel Sacrificio della Croce. Anche il Matrimonio cristiano, dunque, è opera diretta di Dio; è quindi Dio che unisce gli sposi in un vincolo indissolubile e questo vincolo è finalizzata prima di tutto alla loro santificazione e a collaborare all’attività creatrice di Dio attraverso la nascita dei figli educandoli secondo la fede cristiana ricevuta. A questo si riferiva Gesù quando ha detto che «All’inizio della creazione Dio li creò maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e i due saranno una carne sola. Sicché non sono più due, ma una sola carne. L’uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto» (Mc 10,6-9).

      Con la sua precisazione il Divino Maestro restaura la freschezza della Volontà Divina al momento della creazione.

      I cristiani, che invece di sposarsi davanti a Dio convivono o si sposano solo civilmente (che davanti a Dio è la medesima cosa), sono in contrasto con la Volontà Divina, poiché stanno rifiutando un dono inestimabile di Dio. Convivere è in pratica, un atto di superbia poiché in quel modo la coppia sta dicendo a Dio di non aver bisogno della sua Grazia per vivere insieme e per diventare santi; sta rifiutando cioè il dono del suo Preziosissimo Sangue sparso sulla Croce. Ugualmente, coloro che divorziano stanno considerando le loro difficoltà più grandi della Grazia di Dio che li unisce. Anche nel caso si creino situazioni gravissime per le quali diviene impossibile una pacifica convivenza, gli sposi non sono autorizzati a compromettere il vincolo che Dio ha istituito, poiché in quel vincolo c’è la salvezza delle loro anime, che è il fine per il quale Gesù Cristo è morto sulla Croce.

      *P. Francesco Solazzo, passionista originario di Trepuzzi (Lecce), è stato ordinato sacerdote il 29 giugno 2015 – solennità dei Santi Pietro e Paolo – presso la cattedrale di Lecce dall’arcivescovo Domenico Umberto D’Ambrosio.

    5. Che possiamo fare adesso? Per la formazione di una nuova generazione di cattolici

      Intervista di Natasa Wilkie al Dr. Peter Kwasniewski.per Regina Magazine.

      Il Dr. Peter Kwasniewski è un noto teologo, docente universitario, musicista e autore, nonché un prolifico blogger. È fortemente coinvolto nel movimento tradizionale cattolico sia negli Stati Uniti che in Europa. Ultimamente, data la confusione in cui sembra immersa la Chiesa, il dott. Kwasniewski ha riflettuto sul futuro della Chiesa, per i nostri figli - e su ciò che i laici possono fare oggi per influenzare positivamente il loro futuro.

      Gen2-640x440.jpg

      REGINA: Qual è la sua biografia dott. Kwasniewski?

      KWASNIEWSKI: Sono nato a Chicago, cresciuto nel New Jersey, ho frequentato il college in California, ho conseguito un dottorato a Washington, D.C., insegnato in Austria, e poi ho contribuito la fondazione di un college nel Wyoming. Inutile dire che non mi sarei mai aspettato un simile percorso a zig-zag nella vita, ma sembra che questo sia stato il piano del Signore [per me ndr]. A livello universitario ho insegnato filosofia, teologia, musica e storia dell'arte - tutte materie di cui sono tuttora appassionato. Negli ultimi 25 anni ho anche diretto cori di canto gregoriano. Attualmente sono uno scrittore e oratore a tempo pieno a difesa del cattolicesimo tradizionale. Io e mia moglie abbiamo due figli.

      REGINA: Qual è il tuo coinvolgimento nel movimento tradizionale?

      KWASNIEWSKI: Da quando mi sono innamorato della Messa tradizionale, poco più di 25 anni fa, ho sempre dedicato un po 'del mio tempo a scriverne con approfondimenti. Mentre ero ancora in Austria, ho iniziato a pubblicare articoli sul Latin Mass Magazine, e da allora ho scritto per loro un articolo in quasi tutti i numeri dal 2006 al 2018. Poi, circa cinque anni fa, ho iniziato a scrivere articoli settimanali per il blog Nuovo movimento liturgico; in questi anni ho poi pubblicato tre libri sulla liturgia tradizionale: Risorgere nel mezzo della crisi: Sacra Liturgia, Messa tradizionale latina e Rinnovamento nella Chiesa (Angelico, 2014) e Bellezza nobile, Santità trascendente: Perché l'età moderna ha bisogno della messa di tutte le Età (Angelico, 2017), Tradizione e Sanità: conversazioni e dialoghi di un esilio postconciliare.

      REGINA: È un curriculum piuttosto prolifico.

      KWASNIEWSKI: Tutti questi scritti sono emersi dalla mia "relazione amorosa" intrattenuta per tutta la vita con il culto tradizionale cattolico. Tutto ciò di cui parlo deriva dalla mia esperienza personale, sia che si tratti delle mie critiche al Novus Ordo o delle mie lodi sull'usus antiquior. Non credo nella "teologia della poltrona". Si tratta di realtà.

      gen3.jpg

      REGINA: Quali sono le tue opinioni sul futuro della fede?

      KWASNIEWSKI: Penso che ci si trovi in un momento cruciale in cui una grande porzione di cattolici - quelli che vogliono vivere la loro fede nella realtà [integralmente ndr] - si rivolgono sia con coerenza totale o comunque in modo più frammentario, ad un cattolicesimo più tradizionale.

      REGINA: Che effetto sta avendo la crisi dell'abuso sessuale del clero su tutto questo?

      KWASNIEWSKI: Mentre i liberali nella Chiesa mostrano i loro muscoli, cresce parimenti anche la reazione del "ne abbiamo abbastanza di questa sciarada". Gli scandali degli abusi clericali aggiungono solo un punto acuto al crescente scontento. Lo si vede in molti ambiti, ma il sorprendente aumento dell'accesso alla vecchia liturgia latina è forse il segno più evidente di ciò.

      gen4-640x480.jpg

      REGINA: Può suggerire dei modi per rendere la tradizione cattolica più accessibile ai giovani, specialmente nelle famiglie in cui anche i genitori sono novelli?

      KWASNIEWSKI: Nulla può sostituire l'istruzione nel corso della educazione familiare. Prima era scontato che le famiglie cattoliche leggessero [ai propri figli ndr]  le vite dei santi e testi come l'Anno liturgico di Gueranger (come faceva la famiglia di Santa Teresa di Lisieux). Le famiglie che adottano l'homeschooling ad esempio sono maggiormente facilitate, perché i bambini tendono ad essere low-tech e quindi leggono comunque con una certa frequenza. Nella nostra famiglia abbiamo letto centinaia di libri ad alta voce, dedicando da mezz'ora a un'ora ogni sera a tal fine. Ma ogni famiglia può abituarsi a leggere la sera. Se questo è a posto, si può leggere un libro insieme come "Niente di Superfluo" di James Jackson, che è un racconto così interessante e ben scritto, pieno del ricco simbolismo della vecchia Messa. Sicuramente aiuterà i bambini più grandi e gli stessi genitori.

      REGINA: Allora, bisognerebbe leggere di più ad alta voce con i bambini, invece di seppellire se stessi nell'elettronica.

      KWASNIEWSKI: Davvero, la Fede cattolica è immensamente bella in ogni suo dettaglio, ed è la perdita di conoscenza che più di ogni altra cosa ci ha condannati a quella che sembra un'enorme carreggiata della mediocrità. Dobbiamo uscire da questa routine, e se non possiamo condividere immediatamente i libri con i nostri figli, possiamo almeno leggerli da soli in modo da avere qualcosa da dire durante un viaggio in auto o quando [nei figli, ndr] sorge spontanea qualche domanda.

      gen5-640x427.jpg

      REGINA: Molti genitori che sono incuriositi dalla tradizione sono comunque preoccupati che i loro figli non si comportino correttamente in chiesa durante la messa, così come che non rispondano bene in una lingua che non comprendono.

      KWASNIEWSKI: È una sfida, sicuramente, soprattutto con i bambini piccoli. La Messa cantata però, e specialmente la Messa solenne, è molto attraente per i bambini perché c'è così tanto da guardare ed ascoltare (nei canti). Per dirlo in modo provocatorio, la comprensione verbale è il livello più basso e meno importante. L'adorazione del Dio trascendente va molto al di là dei pezzi di lingua di dimensioni mordaci: è un intero ethos, un'atmosfera, un mondo che avvolge i sensi. I bambini sono in grado di comprendere la differenza tra qualcosa che tutti prendono sul serio e qualcosa che nessuno può prendere sul serio. Conosco un ragazzo che è rimasto felicemente occupato [nel corso della Messa] anche solo guardando il turiferario nel suo "giocare col fuoco".

      gen6-640x480.jpg

      REGINA: Cosa possono fare i genitori per aiutare i bambini piccoli a messa?

      KWASNIEWSKI: Se i genitori si muniscono di libri illustrati per i più piccoli e messali per coloro che possono usarli, e se i genitori sono disposti a "fare squadra" quando i bambini si agitano o piangono, tutti i bambini finiranno per acclimatarsi ed amare questo tempo che è solenne e bellissimo. Per di più, vorrei segnalare all'attenzione del lettore un paio di articoli pubblicati su OnePeterFive: "Aiutare i bambini a entrare nella tradizionale messa latina", Parte 1 e Parte 2

      REGINA: Cos'è che attrae i bambini e gli adolescenti al culto tradizionale?

      KWASNIEWSKI: Penso che la risposta sia semplicemente quanto sia sacro. Non stiamo cantando una cantilena,  non siamo ad una festa di compleanno, una lezione di catechismo, un noioso evento per adulti. Siamo alla presenza del dio tre volte santo, con un silenzio silenzioso, musica strana, nuvole di incenso, un linguaggio esotico, donne che indossano veli e uomini ovviamente intenti a qualcosa. L'intera atmosfera che la vecchia Messa promuove e richiede è di per sé la catechesi più potente mai offerta e comunica molto più potente di mille sermoni o libri.

      gen7-640x480.jpg

      REGINA: E se i bambini non la "comprendessero" immediatamente?

      KWASNIEWSKI: Non sto dicendo che per tutti avviene "immediatamente" questo. Ma se una famiglia dà tempo, finisce per avere gli effetti più sorprendenti sui bambini. Imparano a stare fermi, a inginocchiarsi, a guardare, a pregare. Sapevo a malapena come pregare fino a quando non ho iniziato a frequentare la vecchia Messa, e penso che questa sia la stessa esperienza di innumerevoli altri fedeli. Per dirla semplicemente: il tradizionale Sacro Sacrificio della Messa viene compreso da coloro i cui occhi e le cui orecchie sono capaci di adattarsi ad esso.

      REGINA: Perché pensa che sia così?

      KWASNIEWSKI: La Messa tradizionale è così sconcertantemente diversa, così fortemente sprezzante nei confronti della propria individualità, che comanda rispetto. Penso che i giovani indichino ciò in modo più rapido di quanto crediamo. Non è forse simile al modo in cui i giovani, almeno quelli più motivati, sono attratti da un allenatore sportivo o da un insegnante?

      gen8-640x427.jpg

      REGINA: Come è nata l'idea di creare un messale tradizionale per bambini?

      KWASNIEWSKI: Quando nostro figlio aveva raggiunto il punto in cui poteva leggere facilmente, volevamo dargli un messale alla Messa che contenesse le principali preghiere da seguire. Non era ancora pronto per un messale di Baronius di 2.000 pagine, che è abbastanza pesante da provocare un forte rumore quando viene lasciato cadere, come abbiamo appreso in molte occasioni, e abbastanza complicato da causare molte distrazioni ("Mamma, che pagina siamo noi ? Dove siamo?").

      REGINA: Sì, il messale emette effettiamente un forte rumore quando viene fatto cadere!

      KWASNIEWSKI: Così ho deciso di creare un messale intermedio che avrebbe avuto l'Ordinario della Messa, con bellissime opere d'arte - quadri classici e icone e xilografie. Ha funzionato molto bene per entrambi i bambini.

      Kaz1.png

      REGINA: E poi?

      KWASNIEWSKI: I nostri amici hanno notato che ce l'avevamo e hanno chiesto se potevano averne una copia. Dopo che è stato "testato" in questo modo in alcune famiglie, ho deciso di renderlo pubblico. Ma non ne ho mai fatto pubblicità, quindi è stato proposto al pubblico solo lentamente, con il passaparola. La Fraternità di San Pietro ha iniziato ad inserirla nella loro libreria.

      REGINA: I cattolici cosa possono fare, in questo momento?

      KWASNIEWSKI: Non vorrei dare l'impressione che la liturgia tradizionale sia solo per i più istruiti. Chiunque frequenta la Messa per un certo numero di anni, apprezzerà le sue sottigliezze e le sue bellezze. Parla direttamente all'anima.

      La cosa più importante da fare ora è capitalizzare questo momento provvidenziale invitando tutti i buoni sacerdoti che sappiamo apprendere o offrire o incrementare la Messa in Latino e gli altri sacramenti tradizionali. Il rinnovamento della Chiesa verrà attraverso la sua tradizione o temo che non verrà affatto.

      gen9-640x419.jpg

      da Regina Magazine https://reginamag.com/what-we-can-do-now/ traduzione #IPC CC

×
×
  • Create New...

Important Information