Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'eucaristia'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Blogs

There are no results to display.

There are no results to display.

Calendars

  • Il Pensiero Cattolico
  • Coetus Summorum Pontificum

Categories

  • Catechismo
  • Arte Sacra
  • Public SEM Conferences
  • SEM Public Events
  • IPC'friends conferences and events

Forums

There are no results to display.

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


About Me

Found 10 results

  1. Dal blog Duc inAltum di Aldo Maria Valli, riprendiamo questa considerazione di un lettore della provincia di Milano che ha inviato al famoso giornalista RAI il testo di un foglietto che è stato distribuito giorni fa nella sua parrocchia. Apparso in spagnolo nel sito religiondigital e in italiano in adista.it, è teso a screditare la Comunione in bocca come “usanza arcaica” che forse, grazie all’occasione offerta dalla pandemia, potrà essere eliminata per sempre. Il lettore che ha trovato il foglio sulle panche della sua chiesa è rimasto sconcertato. Aldo Maria Valli ha chiesto un commento a monsignor Nicola Bux. Viene proposto prima il testo del volantino e poi il commento di monsignor Bux. ** DAL VOLANTINO** La comunione in bocca è un’abitudine che (a causa di forza maggiore) potremmo (finalmente) abbandonare Il Covid-19 sta incidendo in tutti i settori della nostra vita. Anche la nostra preghiera è cambiata, almeno quella liturgica. La nostra Messa si vive, ora più che mai, nell’intimo. E forse ci stiamo rendendo conto che l’Eucaristia inizia e ruota intorno alla lavanda dei piedi, alla solidarietà e al servizio ai nostri fratelli. Non a caso le parole di Gesù nell’Ultima Cena sono state: “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri” (Gv 13,34). Noi credenti sappiamo bene che d’ora in poi dovremo cambiare alcune delle nostre usanze liturgiche. La cosa più curiosa è che alcune di esse, anche se le abbiamo con noi da molti secoli, non sono così “cristiane” o così sacre. La comunione in bocca, per esempio; la sua origine non deriva né dall’epoca della Chiesa dei primi cristiani o dal tempo dei Padri della Chiesa. Al momento stiamo guardando le Messe in TV e ricevendo la comunione in modo spirituale. È già stato annunciato che, con il coronavirus nel mondo, non sarà possibile tornare all’usanza di riceverla in bocca, anche se in alcuni ambienti conservatori difendono quest’usanza a tutti i costi. Ma in realtà quando è stata introdotta la comunione in bocca nella storia della Chiesa? Lo “spezzare il pane” era ed è il centro di ogni comunità cristiana. Lo era al tempo degli apostoli, lo è oggi. È ben noto il bellissimo testo della catechesi ai catecumeni (IV sec.), che raccomanda loro di fare “della mano sinistra un trono per la mano destra, poiché questa deve ricevere il Re” (VI catechesi mistagogica di Gerusalemme, n. 21: PG 33, col. 1125). I cristiani ricevevano la comunione in mano fino al Medioevo, e più precisamente fino all’epoca carolingia. Ricordo come il prof. Klaus Schatz S.J., docente di storia ecclesiastica di Sankt Georgen a Francoforte, ci abbia raccontato che all’epoca dell’impero carolingio nelle abitudini della gente si era infiltrato un senso magico della religione. La comunione in bocca fu introdotta proprio per evitare questo senso magico dell’Eucaristia. Molti contadini germanici, quando ricevevano la comunione in mano, nascondevano la particola consacrata e se la portavano a casa, per darla alla loro mucca o ad un altro animale domestico malato. Per evitare queste cattive usanze, fu introdotta l’abitudine della comunione in bocca, che è rimasta con noi, in parte, fino ai giorni nostri. Oggi non sappiamo quando potremo ricevere la comunione. È certo che sarà in mano, e inoltre in mano per tutti. Potremmo almeno approfittare di questa crisi per lasciarci alle spalle la “comunione in bocca”, una pratica che è nata in una maniera un pò arcaica. Prepariamo, tuttavia, il trono delle nostre mani per il Signore, per il Re … E non dimentichiamoci di usare le nostre mani per servire, che è la cosa principale: “tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt 25,40). **FINE VOLANTINO** Commento di monsignor Nicola Bux Renderemo conto allo stesso nostro Signore Gesù Cristo dello scandalo, ovvero l’ostacolo che tanti ministri sacri pongono ai fedeli, con i loro atteggiamenti dissacranti e persino sacrileghi verso il Santissimo Sacramento dell’Eucaristia, sintomo della grave crisi di fede che attraversiamo (crisi di fede = mancato riconoscimento della Presenza di Dio nella liturgia, che per questo è chiamata sacra). Certo, la causa prima è la secolarizzazione, determinata innanzitutto dai chierici, secondo Charles Peguy, per l’eccessiva enfasi sul simbolismo liturgico, ma ancor più per il venir meno del senso del sacro, sempre a causa della crisi di fede. Di questa crisi fa parte la riduzione dell’Eucaristia a espressione di solidarietà umana. Così, nel volantino trovato sui banchi di una parrocchia del Milanese, si afferma che “la comunione in bocca è un’abitudine da abbandonare”, perché addirittura non “cristiana” e non sacra, e anche perché non risalirebbe al cristianesimo primitivo e ai Padri: ritorna l’eresia archeologista, per cui dall’antichità si prende quel che si vuole e si lascia quel che non conviene (per esempio, l’orientamento ad Deum di sacerdoti e fedeli durante la celebrazione, di origine apostolica). Da altri l’abolizione è proposta in nome di una presunta maggiore contagiosità della bocca rispetto alla mano, sulla quale non pochi esperti dissentono. Lo “spezzare il pane”, da cui il nome dato alla Messa dagli Atti degli Apostoli, non significa che il Sacramento sia stato dato in mano ai discepoli, ma, come attesa Giovanni (cfr 13,26-27), che fu come il boccone porto da Gesù a Giuda, uso ancora invalso presso gli orientali, che ancora fanno la Comunione imboccando i fedeli. Un boccone di pane intinto non può essere dato in mano, ma solo in bocca. In altra sede abbiamo portato a sostegno il codice purpureo di Rossano del V secolo, quindi ben prima dell’epoca carolingia, e interpretato l’invito di san Cirillo, vescovo di Gerusalemme, a fare delle mani come un trono, con l’esigenza di protenderle sotto la nostra bocca, affinché, ricevendo il “boccone” eucaristico, nessun frammento andasse disperso. Si veda pure il tema della Comunione degli Apostoli, nell’iconografia bizantina, che non attinge ex post, come tutte le testimonianze orientali, fino agli occidentali Beato Angelico, Tintoretto eccetera. Perciò l’attribuzione del gesto, da parte del gesuita Schatz, all’infiltrazione tra i fedeli di “un senso magico della religione”, portando alla Comunione in bocca, è evidentemente ideologica. L’autore del volantino non può ignorare che, ai nostri giorni, non è la Comunione in bocca a essere a rischio di profanazione – posto che distingua il sacro dal profano – ma quella sulla mano: non sa che vi sono fedeli che, ricevuta la particola sulla mano, la portano con sé? Per quali usi? Non sa che è stato accertato persino l’uso per riti satanici? Quindi, il senso per dir così magico di cui si accusa la Comunione in bocca non è sparito, e ritorna con quella in mano. Nella conclusione, l’autore del volantino si contraddice, in quanto, dopo aver affermato che la pratica della Comunione in bocca non c’era nel cristianesimo primitivo, afferma che tale “pratica è nata in una maniera più arcaica” e insiste di nuovo sulla riduzione dell’Eucaristia a servizio dei fratelli. In verità, l’autore non vuole riconoscere che Cristo ha istituito il sacramento affinché diventassimo un solo corpo con lui, proprio mediante la Comunione al suo corpo e al suo sangue; solo così diventiamo sue membra e, nella misura in cui altri lo fanno, ci riconosciamo fratelli. Questa è l’agàpe (greco) e la charitas (latino) dei cristiani, vero nome della solidarietà. Non c’è bisogno di alcun Alto comitato per la fratellanza umana, perché questa scaturisce come conseguenza solo dal riconoscimento dell’unico Signore Gesù Cristo, del cui corpo e sangue si nutrono, mediante iniziazione cristiana, quanti si convertono e sono battezzati. Così pure si comprende il noto assioma: “È l’Eucaristia che fa la Chiesa” e, di conseguenza, la Chiesa può fare l’Eucaristia (cfr Giovanni Paolo II, enciclica Ecclesia de Eucharistia, n.26). Dunque, nonostante la crisi della fede, è l’insopprimibile senso del sacro – che il Verbo, con la sua Incarnazione, non ha cancellato dal cuore dell’uomo, anzi fatto avanzare – a spingere tanti sacerdoti e fedeli a non accettare di amministrare e rispettivamente ricevere la Comunione mediante un guanto profano. È necessaria la fede per riconoscere il Corpo e il Sangue di Cristo veramente, realmente, sostanzialmente presenti sotto le specie del pane e del vino – apparenze che san Tommaso con termine aristotelico chiama “accidenti” – tant’è che quando una particola eucaristica cade per terra il celebrante non la usa per la Comunione, ma la immette in un vasetto, il “purifichino”, dove si dissolve, quindi finisce la presenza reale. Nell’attuale contagio, se si ritenesse insufficiente il lavabo delle mani prima della Messa e dopo l’offertorio, magari con aggiunta di detergente, si potrebbe ricorrere alla pinza o a quanto avviene nel rito romano antico, nella Messa celebrata dal vescovo: questi usa le chiroteche, ossia i guanti in stoffa pregiata, ornati con croci; egli li usa durante tutta la Messa, ma li toglie per fare l’Offertorio, la Consacrazione e la Comunione. Insomma, il contrario di quanto si sta facendo adesso, toccando a mani nude tutto ciò che occorre (messale, microfono, eccetera), e mettendosi il guanto alla Comunione. È paradossale! Sono soprattutto le sacre offerte che il ministro sacro dovrebbe toccare con mani pure, salvaguardando invece codeste mediante le chiroteche per il resto della celebrazione. Non solo i vescovi usavano le chiroteche, ma anche i sacerdoti dei Capitoli canonicali le avevano tra le loro insegne. Perché non riproporre tale modalità d’uso di questi guanti liturgici da parte dei sacerdoti, non solo dei vescovi, almeno in questo tempo eccezionale? Chissà perché quei preti, così ecumenici con gli ortodossi d’Oriente, che sono inflessibili nell’amministrare la Comunione col cucchiaio e in bocca, smettono di affermare che bisogna imparare da questi, e diventano arroganti e inflessibili con i loro fedeli latini (romani e ambrosiani) che vogliono comunicarsi in ginocchio e sulla lingua, o porgono un piccolo lino per ricevere l’Eucaristia sul palmo della mano e assumerla direttamente con la bocca. Non sono queste le disposizioni della Chiesa? Non resta che riaffermarle con coraggio di fronte ai preti e ai vescovi, memori di quanto affermava Giovanni Paolo II: “Chi ha timore di Dio non ha paura degli uomini”. Nicola Bux
  2. Scriviamo questo pezzo a poche ore dalla sottoscrizione del Protocollo tra Governo Italiano e Conferenza Episcopale Italiana. Lo trovate qui Protocollo Governo-CEI Ci limiteremo inoltre alla parte essenziale, per non perderci su altro, che invece non lo sarebbe, sebbene di rilievo. Ci focalizzeremo sulla Santa Eucarestia, il motivo principale per cui ci rechiamo alla Santa Messa e tanto attendiamo il ritorno alla "normalità". Ricordiamo a tutti che la Santa Eucaristia è essenziale, primo fra tutti i Sacramenti, che sono la Via di ordinaria Salvezza dell'anima. Dal Catechismo della Chiesa Cattolica "1331 [...] mediante questo sacramento, ci uniamo a Cristo, il quale ci rende partecipi del suo Corpo e del suo Sangue per formare un solo corpo; viene inoltre chiamato le cose sante – è il significato originale dell'espressione « comunione dei santi » di cui parla il Simbolo degli Apostoli –, pane degli angeli, pane del cielo, farmaco d'immortalità, viatico [...]". In particolare, i cattolici sanno che è nella Transustanziazione che tutto è incardinato; sempre dal Catechismo della Chiesa Cattolica: "1377 La presenza eucaristica di Cristo ha inizio al momento della consacrazione e continua finché sussistono le specie eucaristiche. Cristo è tutto e integro presente in ciascuna specie e in ciascuna sua parte; perciò la frazione del pane non divide Cristo." Detto questo, ha lasciato basiti leggere il testo del protocollo, sottoscritto dal Presidente della CEI, Cardinal Bassetti, che qui si riporta: "3.4. La distribuzione della Comunione avvenga dopo che il celebrante e l’eventuale ministro straordinario avranno curato l’igiene delle loro mani e indossato guanti monouso; gli stessi — indossando la mascherina, avendo massima attenzione a coprirsi naso e bocca e mantenendo un’adeguata distanza di sicurezza – abbiano cura di offrire l’ostia senza venire a contatto con le mani dei fedeli." Non vogliamo ritenere, come alcuni fanno, che ricevere la Santa Comunione in bocca sia vietato, non viene scritto e non lo crediamo. Ma leggiamo che si vuole profanare il Corpo e Sangue di Cristo con dei "guanti monouso"; in primis, la tipologia di oggetto è quanto di più miseramente freddo ed meccanico si possa pensare, desacralizzante alla sola vista, quasi fossimo di fronte a dei sanitari, burocrati della consumazione di Ostie. Ma, cosa ancor più grave è che i guanti sono "usa e getta", il che implica che un oggetto che è venuto a diretto contatto con il Corpo e Sangue di Cristo verrà preso e buttato nel cestino dell'immondizia, dove il Catechismo dice: "Cristo è tutto e integro presente in ciascuna specie e in ciascuna sua parte; perciò la frazione del pane non divide Cristo". Cosa si sta buttando quindi in quel cestino? Cosa va in discarica insieme ai guanti monouso? Razionalmente non farebbe, forse, una piega in tempi di epidemia questo "kit" . Ma la domanda è: la Transustanziazione è vera o no? Il clero che sottoscrive quel protocollo è consapevole della domanda che si erge come un macigno? Io credo nella Transustanziazione solo per fede, essendo qualcosa che va oltre la ragione. Se Essa viene meno, viene meno un pilastro della Fede e quindi viene giù tutto. Altrimenti, se è Vera, come lo è, abbiamo un grosso problema. Eppure la Chiesa ha affrontato per duemila anni le medesime problematiche. Nel Medioevo, ad esempio, erano presenti le "pinze liturgiche". A Roma esse sono ricordate nell’Ordo del vescovo Pietro Amelio, nella seconda metà del XIV secolo, che conferma l’uso papale di trasferire le ostie consacrate dal calice alla pisside mediante le pinze d’oro e precisa che è stato introdotto per rispetto verso le sacre specie e per non toccarle direttamente. Probabilmente era anche strumento per dare la comunione ai lebbrosi. Ma tanti altri strumenti sono stati valutati proprio in funzione della Presenza Reale. Vi invitiamo a leggere anche Utensili eucaristici in tempi di covid-19 dal blog della Scuola Ecclesia Mater dove sono riportati svariati modi, degni e decorosi; Con la volontà, se si ha desiderio profondo, le soluzioni si possono trovare. I tempi per affrontare questa situazione fino al giorno della "riapertura" ci sono tutti. I Santi Sacerdoti che avranno questi stessi timori, ci sono, e non sono pochi. La richiesta va a loro terrenamente e, siccome nulla si ottiene se non per Grazia di Dio, a Lui va la nostra e, speriamo la vostra preghiera, che illumini le menti e muova i cuori. In Corde Jesu, Claudio
  3. Con molto interesse e condivisione riportiamo il trascritto libero della meditazione di Padre Massimo Malfer esorcista, tenuta su Radio Kolbe alla fine di Aprile 2020. La meditazione è su aspetti fondamentali della Fede in questi tempi di epidemia e di mancanza dei Sacramenti, sulla essenzialità della Eucaristia, su cosa realmente accade nella Santa Messa e quale realmente ne sia il significato, sul perché la mancanza della Eucarestia ci renda tristi ed individualisti, anaffettivi ed incapaci di amare. Ecco di seguito il testo. "Mai come in questi ultimi giorni, in maniera particolare in queste ultime ore, sentiamo parlare tanto di celebrazione della Santa Messa, anche se a dire il vero questo riguarda una piccola parte della popolazione italiana, diciamolo dobbiamo essere franchi: la percentuale della presenza alla santa messa domenicale negli ultimi anni è calata drasticamente, quindi potremmo dire che sono pochi a dire il vero coloro che sentono l'esigenza della celebrazione eucaristica; ma noi sappiamo molto bene che malgrado l'esiguità di questi numeri noi continuiamo a ribadire in maniera chiara forte e concisa se non altro la libertà di culto che è stata proclamata dalla costituzione ed è un diritto inalienabile della persona; quindi quando parliamo di celebrazione Eucaristica, intendiamo sì la celebrazione della Santa Messa, ma crediamo anche che sotto a tutto ciò ci sia una capacità del diritto di non violare [tutto] ciò che è effettivamente il diritto per eccellenza, ossia il diritto di credere, il diritto di professare una religione quando questa religione, come appunto la cristiano cattolica, è fondata sull'Eucarestia. Forse magari i nostri governanti non tengono in giusta considerazione che circa il 90 per cento della popolazione italiana è ancora cattolica; forse qualcuno dirà solo anagraficamente, perché poi le scelte sono tutt'altro, ma comunque questo è un dato importante da tener presente; ma qui non parliamo di un aspetto anagrafico parliamo di cristiani che vivono e che credono in Cristo. Quali sono queste conseguenze della proposta cristiana? Essa consiste nel dare notizia all'uomo che è accaduto un fatto che ha precisamente guarito e rinnovato l'uomo . Qual è questo fatto lo sappiamo tutti: Dio, inviando il proprio Figlio nella condivisione della carne del peccato ha condannato il peccato e ci ha ridato la vita nuova. Questo è il cristianesimo, [il cui significato profondo] è credere che Gesù Cristo sia il Figlio di Dio nato, morto e risorto e vivente nella sua Chiesa. Detto questo, per un cristiano che ha questa consapevolezza, viene subito immediatamente chiaro che questa presenza di Lui è una presenza viva e continua e dove noi possiamo attingere la realtà di questa presenza? Nella Santa Messa! La Messa non è un rito, la Messa non è un incontro, sebbene magari qualche sacerdote ha ridotto la messa a un incontro tra applausi e canti dove l'importante è divertirsi con “le alleluia che avvitano le lampadine” o cose simili, ma questo non è non è la Messa, non è la Verità della Messa in Chiesa; alla Messa non ci si va per divertirsi, [alcuni dicono che i] bambini non vanno in Chiesa perché sennò si stufano e quindi dobbiamo fargli fare chissà che cosa per poterli coinvolgere. La Messa è la ripresentazione sacramentale del mistero pasquale. Che cosa vuol dire? Vuol dire che se un cristiano crede che Gesù è il Figlio di Dio che è nato che è morto che è risorto e che è presente quando si celebra la Santa Messa, questo accade. [Un] buon cristiano [non può] vivere senza questa consapevolezza, no! Ecco perché la l'Eucaristia è la pietra d'inciampo. Gesù ne parla spesso di questa pietra [che] è la pietra pietra angolare, una pietra su cui si costruisce tutto l'edificio oppure diventa una pietra d'inciampo, una pietra su cui, passando, uno inciampa si fa del male e cade; l’Eucaristia è proprio questo: sull’ Eucaristia si costruisce tutto oppure l’Eucarestia diventa un ostacolo! Quante volte abbiamo sentito dire [la frase] “io credo ma non vado in Chiesa”? Con quel “non vado in Chiesa” [si] vuol dire semplicemente: non partecipo alla Messa, alla Messa ci vado quando mi sento, ed avanti di questo passo. Qvviamente i luoghi comuni sono tantissimi. Ma che cosa significa essere cristiani, credere in Dio e non partecipare alla Messa ma in un clima relativistico come il nostro semplicemente vuol dire aver costruito aver costruito una religione a nostro uso e consumo, [vuol dire] io credo solo determinate cose e le altre le escludo, [vuol dire credere in] quelle che mi fanno piacere, [mentre] quelle che non mi fanno piacere le escludo. Questa non è un’adesione a Cristo. Se poi ci mettiamo anche coloro che vogliono a tutti i costi dei diritti su cose che a loro non competono, allora questo diventa ancora più ridicolo [e] risibile; pensate ad esempio a quelle persone che per varie ragioni, [ad esempio] perché hanno tradito un Sacramento ne vogliono un altro, sto parlando dei divorziati e risposati, [quelle persone] hanno tradito il Sacramento; l'hanno tradito perché nel momento in cui si risposano, ma non sto parlando di coloro che sono separati malgrado loro siano innocenti e quindi possono continuare a fare la Santa Comunione, ma sto parlando di coloro che sono divorziati e risposati cioè hanno rinnegato ciò che hanno detto sull'altare, ciò che hanno giurato davanti a Dio ciò che è stato sacramentalmente sigillato da Dio stesso, essi hanno fondamentalmente abiurato un sacramento! Questo modo di guardare alla Chiesa come una sorta di agenzia di servizi, dove dobbiamo chiedere questo o vogliamo chiedere altro con la pretesa che questo sia un nostro diritto [è sbagliato]. L'Eucaristia è un nostro diritto, forse anche sì, ma a determinate condizioni; infatti, quando noi pensiamo all'Eucaristia noi non dobbiamo pensare a un rito, ma dobbiamo pensare all'azione più sacra che possa accadere su questa terra, perché ciò che è accaduto duemila anni orsono a Gerusalemme in Palestina si compie sacramentalmente misteriosamente sui nostri altari e qui chiaramente a livello visivo, a livello sacramentale, a livello di segno in questi ultimi anni abbiamo perso un po’ questa consapevolezza. Ridurre la messa ad uno show, chiaramente non dà l'impressione che quello che si celebra è realmente la passione la morte e la risurrezione di Cristo. Un tempo forse questo era segnato, era collegato, era ancora forte, [ma] oggi diciamo è sparito quasi completamente ma è sparito persino dalla predicazione! Ogni volta che noi entriamo dentro nel mistero eucaristico, noi ribadiamo e come fossimo là presenti, ecco perché quando noi diciamo che la Messa è fondamentale, che la Messa è la azione sacra più alta di tutte, è perché proprio c'è la consapevolezza della Chiesa che senza la messa noi non possiamo vivere, senza la messa non c'è più il cristianesimo; non esiste un cristianesimo senza la Messa; questo lasciamolo stare, questo è vero protestantesimo fino a prova contraria o meno. C'è una tendenza molto forte nella Chiesa, ma comunque noi fino a prova contraria noi non siamo protestanti, noi siamo cattolici, noi siamo cristiani, il che vuol dire che noi crediamo che il mistero di Cristo, quel mistero di passione di morte di dolore di sofferenza che è accaduto duemila anni orsono e che ha salvato le sorti di tutto il mondo e di tutto l'universo si compie ogni volta che si celebra la Santa Messa. Questo è quello che crediamo. Se non c'è questa consapevolezza è chiaro che andare a Messa o non andarci, vivere l'Eucaristia o meno è la medesima cosa, non nessun rapporto profondo con la vita e la fede diventa solo qualcosa, come ci insegna il laicismo oggi, da vivere privatamente dentro nel proprio cuore. In questi giorni abbiamo sentito citare persino da autorità religiose molto forti e personaggi di infima levatura se non addirittura blasfemi che ci avrebbero detto che ci si può pregare ovunque l'importante è avere Gesù nel cuore. Ma questo lo sapevamo già non occorreva lo sciocco di turno; noi cristiani preghiamo in Chiesa perché in Chiesa si celebrerà la Santa messa e senza la Messa come dicevano i martiri di Abitina, 1700 anni or sono, noi non possiamo vivere. Vorrei provare a fare un esempio classico semplicissimo, un esempio di coloro che amano una persona la mano pensate il fidanzato e la fidanzata, la moglie il marito, pensate la madre il figlio, pensate a questi rapporti fortissimi strettissimi e speriamo che ve ne siano ancora tanti. In questi [rapporti] cosa succede? Che se uno dei due se ne va via e se ne va via per mesi, il desiderio di quella persona è di incontrarlo di vederlo, di abbracciarlo di sentirlo. Sì, qualche volta ci si telefona, sì qualche volta adesso ci sono le videochiamate, sì indubbiamente tutte queste cose; ma un conto è averlo fisicamente li vicino che si può toccare che si può abbracciare, che si può baciare fisicamente. [Così è la] realtà sacramentale della Messa. E’ bello dire che dobbiamo amare il Signore e magari qualcuno dice sì, ma io lo amo, io voglio bene al Signore, io amo il Signore. [La domanda allora è:] perché non vai a cercarlo dove lui si fa trovare, dove è il luogo l'istante il momento più alto in cui io posso fare questo incontro, non solo spirituale, non solo psicologico, ma reale concreto a tal punto che posso addirittura ci parli di lui nella Santa Eucaristia è questa la realtà. Noi non siamo degli angeli, non siamo puri spiriti ed il Signore lo sa molto bene ed è per questo che ci ha inviato il Figlio e il Figlio ci ha dato i sacramenti perché noi abbiamo bisogno di questo. Dice Sant'Ireneo nel famoso testo: “adversus haereses”di circa 1.700 1600 anni fa dove Sant'Ireneo cerca in tutti i modi di spiegare, di andare contro a quelle eresie che erano emerse a quei tempi e che sono le stesse che emergono oggi e dice non avremmo potuto conoscere i misteri di Dio se il nostro Maestro, il Verbo non si fosse fatto uomo. D'altra parte non potevamo conoscere altrimenti se non vedendo il nostro maestro e percependo la sua voce con il nostro orecchio, una realtà concreta, un Dio che si fa carne che si fa uomo e noi diremo che si forma nei verbo panis factum est il verbo si è fatto per me. Ami Dio, ami Gesù. Se ami Gesù non puoi non amarlo dove lui concretamente realmente si fa trovare Sant'Efrem il Siro questo grande poeta dell'antichità ha scritto delle cose bellissime dice che un giorno riapparve il Signore e gli disse a proposito dell'Eucarestia: ricordati Efrem che chi mangia Me mangia fuoco! Che cos'è questo fuoco se non il fuoco ardente di Lui che entra in noi, che penetra in noi,Dio si dona a conoscere a ciascuno di noi nell'umanità del figlio di Dio, ascoltando la sua voce, la parola di Gesù indubbiamente; ma questo è proprio la struttura sacramentale: Dio parla a noi non solo nel cuore di uno o parla noi solo a livello spirituale, Dio parla noi a livello sacramentale attraverso le cose visibili. Siamo rapiti alle realtà invisibili e non si tratta di un espediente pedagogico ma di un aiuto dato alla nostra intelligenza, ma è il modo con cui Cristo trasforma la nostra vita quotidiana. Senza la Messa noi non possiamo vivere e proprio il realismo, l'Eucaristia è la sintesi di tutta la vita cristiana, senza Eucarestia noi non siamo più dei cristiani. Una volta addirittura quando una persona non andava più a Messa si diceva che era un disgraziato, disgraziato voleva dire senza Grazia di Dio perché senza la Messa non abbiamo la Grazia. Qualcuno dirà allora: quanti disgraziati che ci sono oggi; sì, è vero, ci sono molti disgraziati, molte persone che non hanno più la Grazia di Dio; che poi Dio possa agire lo stesso, possa fare cose straordinarie anche senza tutto questo lo mettiamo sempre in conto indubbiamente [perché] Dio è infinita bontà, infinita misericordia, ma è anche infinita giustizia, non dimentichiamolo mai. L'Eucaristia allora è la reale presenza di Cristo che dona sé stesso in sacrificio sulla Croce e noi mediante la celebrazione eucaristica diventiamo presenti all’evento della Croce; pensate che evento straordinario essere presenti davanti al Calvario, davanti al tribunale, davanti alla Via Crucis, davanti a tutti gli eventi salvifici di Cristo; noi possiamo rivivere nella nostra vita in quel momento dell'azione liturgica che noi chiamiamo Santa Messa ed al momento della consacrazione, i duemila anni che ci separano dalla Croce sono aboliti noi siamo ai piedi della Croce, come Maria, come Giovanni, fermi, attoniti a sentire quell'urlo “Eli Eli Lama Sabachthani”; ma siamo anche nello stesso momento al Sepolcro dove nella gioia cristiana sentiamo Gesù che pronuncia il nostro nome come il nome della Maddalena “ noli me tangere” e queste sono le modalità con cui noi possiamo entrare dentro questo grande mistero che è il mistero eucaristico e questo evento, cioè l'evento della celebrazione eucaristica accade perché i credenti, cioè coloro che celebrano il rito sacramentale, partecipino a questa offerta e diventino uno solo, siamo chiamati nella Messa ad immergerci per diventare partecipi di quella carità, noi diventiamo capaci di amare come Dio ama. San Tommaso d'Aquino, il grande scrittore e poeta, dice che l'Eucaristia è il sacramento della Passione di Cristo, in quanto l'uomo è condotto alla perfetta unione con Cristo nella Passione, in unione a Cristo e proprio mediante la partecipazione all'Eucarestia il credente viene cristificato progressivamente, trasformato in Cristo e diventiamo sempre un po’ più Cristo chiaramente, nella modalità con cui noi siamo aperti a questa Grazia che inonda il nostro cuore. Questa è la famosa visione di Sant'Agostino, quando stava pensando alla Eucaristia, che si trasforma in noi, Gesù interviene. La fede in Cristo è la fede nell'Eucaristia, dice concilio vaticano ii che l'eucaristia la messa è lumen et fons totius vite cristiane, che vuol dire che tutto parte dall'eucarestia culmen e tutto arriva, culmine e fonte, tutto arriva e tutto parte da lì; la nostra fede è la fede eucaristica, la Grazia eucaristica è diventare partecipi della Carità di Cristo, è trasformare la nostra vita in Cristo, altrimenti veramente la nostra vita diventa su carta diventa triste. Guardiamo tutte queste persone che ci circondano, queste persone che non vivono la Santa Messa; che cos'è che porta questo mondo a questa intrinseca debolezza, siamo deboli e ce ne siamo accorti in maniera eclatante in questi giorni di quarantena dove diventiamo incapaci di muoverci paurosi di tutto; vi era un tabernacolo in pietra molto antico, l'ho visto in fotografia, e sotto questo tabernacolo vi era una frase latina un po’ maccheronico e diceva così “caput inclinat, hic jacet corpus medicina”, che voleva dire qui davanti a questo tabernacolo, davanti a questa presenza eucaristica inchina il tuo capo perché qui c'è la medicina del corpo. La medicina la medicina che non è quella che ci fa passare il mal di testa quella che ci toglie la l'epidemia, non è questa, ma è questo incontro reale con lui è questa la medicina perché quando abbiamo lui abbiamo tutto altrimenti noi diventiamo tristi; da dove deriva questa tristezza, questa debolezza? Qual è la causa che estenua in maniera così forte questa naturale capacità di creare deilegami fino a qualche anno fa le nostre famiglie le cosiddette famiglie allargate ma nel senso vero del termine dove erano parenti amici conoscenti e parenti di primo di secondo di terzo grado e tutti erano insieme famiglie di 10, 15, 20 persone. Oggi [regna] una sorta di individualismo [per cui] l'uomo e la donna di oggi, sono diventati quasi anaffettivi e non si è più capaci di affetto vero. Che cosa sta accadendo? Perché siamo diventati tutti anaffettivi? C'è qualche patologia psichica o qualche patologia spirituale, oppure c'è qualcosa di più? Una sorta di disintegrazione della persona? Oppure c'è qualche causa primaria ? San Paolo nella Lettera ai Galati 5,13-18 dice queste parole; “Voi infatti, fratelli, siete stati chiamati a libertà. Purché questa libertà non divenga un pretesto per vivere secondo la carne, ma mediante la carità siate a servizio gli uni degli altri. 14 Tutta la legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: amerai il prossimo tuo come te stesso. 15 Ma se vi mordete e divorate a vicenda, guardate almeno di non distruggervi del tutto gli uni gli altri!”. Ma non è quello che stiamo vivendo oggi? Esiste un esercizio della libertà che è una vera devastazione del rapporto interpersonale ed è quando si pensa che la libertà è quella di fare ciò che si vuole senza nessun riferimento; esistono fondamentalmente due modi per essere liberi è la modalità che è propria di chi vive per sé stesso e la modalità di chi vive nell'amore e chi vive per sé stesso genera solo divisione e non crea mai comunione e la seconda invece crea la vera comunione; questa debolezza che abbiamo un po’ tutti oggi, che un po’ la cifra della nostra società, la debolezza della nostra affettività, quella di creare legami duraturi deriva da nostra incapacità di amare ed è una sorta di fiacchezza esistenziale che porta alla dissoluzione di ogni legame che sia vero che sia buono. Ed è qui che si inserisce in maniera del tutto particolare la partecipazione all'Eucaristia, [è qui che] si ha un nesso all’affettività [perché] la partecipazione rende il fedele capace di amare con la stessa capacità di amore di Cristo sulla Croce. Diventiamo come lui, l'Eucaristia è proprio un dono che Cristo mi fa della sua capacità di amare; quando noi viviamo la Messa diventiamo capaci di rapporti duraturi che è l'amore che è il gusto della vita dell'esistenza di tutto ciò che siamo; certo i doni della Grazia non sostituiscono mai quelli che sono i compiti della natura, non ci dispensano da essi, non ci tolgono le derive delle propensioni verso chissà che cosa che sia negativa, ma l'Eucaristia ci dà quella energia necessaria per poter vivere veramente , per guidare i nostri affetti perché Cristo non è un'energia nel senso orientale del termine. Sento l'energia quando vengo via dalla Messa? Mi sento più forte? Sì tutto questo potrebbe anche essere utile e buono, ma è prima di tutto perché noi riceviamo l'amore di cristo. Il vero male della società umana, l'insidia più grave è proprio la ricerca del proprio bene a prescindere perfino a spese dell'altro e quando non mettiamo più l'Eucaristia al centro ma lasciamo che i politici possano anche non metterla al centro, infatti le nostre scelte politiche non tengono mai conto di questi aspetti non tengono conto dei valori cristiani non tengono conto di ciò che è importante nella nostra vita cristiana ed oggi dopo tanto tempo i nodi sono venuti al pettine. Perché ciò che conta per noi è l'abbassamento delle tasse, è che le cose vadano bene, è che i nostri in i nostri portafogli siano pieni e che vi sia lavoro. Tutte queste cose sono i nostri criteri per poter valutare se un politico è buono non è buono ma non ad esempio che cos'è la realtà cristiana. Quando noi dimentichiamo l'Eucaristia, noi compiamo una sorta di peccato di apostasia, diventiamo apostati di Cristo; Cristo si fa vivo, si fa presente, si fa reale lì dinanzi a noi e noi diciamo: a me non interessa io ho la mia fede e Gesù ci dice ma quel vino sull'altare si trasforma nel sangue di Cristo, quel pane è il mio corpo per la vita eterna, è il premio della vita eterna per future glorie; [e noi Gli diciano] non mi interessa io ho la mia fede, io ho il mio Gesù [personale] dentro nel mio cuore, “ma io sono fuori di te” ci dice Gesù, “io sono nel tabernacolo delle nostre chiese”, [e noi gli rispondiamo:] “a me non interessa”. Quando non abbiamo più la consapevolezza di questo, noi diventiamo apostati della fede e non siamo più cristiani quando noi neghiamo la Messa, neghiamo la Risurrezione di Cristo; certo dalla qualità delle nostre celebrazioni liturgiche dipende anche la consapevolezza pedagogica. Indubbiamente, come sacerdoti dobbiamo farci un esame di coscienza e dire quanto noi rendiamo la celebrazione fatta bene, sentita, profonda non veloce e così via. Perché le cose che noi dobbiamo guardare [non] sono solo il consenso degli altri. Dalla qualità delle nostre celebrazioni liturgiche dipende anche la qualità della vita della nostra città, la qualità della vita della nostra nazione; quando noi perdiamo il senso dell'Eucarestia tutto viene a mancare perché i nostri rapporti diventano anaffettivi e l'unico criterio è l’egoismo, l'unico criterio è il tornaconto, mentre nella Messa ciò che noi vi diamo è proprio la donazione totale di amore per gli altri. Sant'Ireneo, nel testo che citavo prima, dice due sono le braccia perché due sono i popoli disseminati fino ai confini della terra, ma al centro c'è un solo capo, perché c'è un solo Dio che è sopra tutte le cose, attraverso tutte le cose e tutti noi. C'è un solo Dio, il Dio di Gesù Cristo e quando noi celebriamo l'Eucaristia ci poniamo nel centro di tutto il mondo; è questa la bellezza e la consapevolezza che dovrebbe spingere il cristiano a compiere gesti straordinari bellissimi, ironici nei confronti della carestia, diventiamo eroi nell’Eucaristia. Oggi siamo chiamati a una testimonianza forte credibile, noi crediamo e viviamo dell'Eucarestia e come i martiri di Abitene, anche noi dobbiamo dire ai nostri governanti, a tutte le persone ed anche i nostri Vescovi se necessario, sine Dominico vivere non possumus, non possiamo vivere senza la domenica perché diventeremo tutti apostati ma diventeremo tutti tristi anaffettivi, incapaci di amare mio marito mia moglie. Io ho bisogno dell'Eucarestia. Quando celebriamo l'Eucaristia ci poniamo al centro del mondo e tutta la realtà è quasi sospesa da quella celebrazione, e questa ci permette di non cadere nel nulla dei nostri peccati, nel nulla della nostra miseria. Invochiamo il signore chiediamoli che ci aiuti profondamente a vivere intensamente l’Eucaristia, a compiere realmente degli atti virili. Oggi abbiamo bisogno di cristiani forti, che dicano con tutto sé stessi, anche con la forza che deriva da questo, che noi senza l'Eucarestia non possiamo vivere. La teoria di Santi e di Martiri che hanno versato il loro sangue per l’Eucarisia ci dia la forza, la potenza necessaria per compiere ciò che è necessario per ciascuno di noi e non solo per noi ma per le nostre parrocchie, per le nostre città ,per la nostra nazione affinché il Signore sia lodato continuamente e solo così avremo la vera Pace la pace che non da tutti i nostri cuori. Sia lodato Gesù Cristo" Di seguito l'audio della meditazione.
  4. NOVENA ALLA MADONNA DI POMPEI.su iniziativa del Coetus Fidelium San Gaetano & Sant’Andrea Avellino di NapoliCari Amici,Come tutti sappiamo, l’Italia sta vivendo un momento di profonda crisi, non solo dal punto di vista sanitario, ma anche economico, sociale, politico, religioso. Siamo privati anche della possibilità di accostarci ai Sacramenti, perfino in occasione della Pasqua. Non possiamo fare altro che appellarci al Cuore Immacolato di Maria, implorando la Misericordia divina per l’umanità peccatrice e la cessazione di questo flagello. Per questo motivo i Coetus fidelium della Campania hanno deciso di recitare, a partire da sabato 11 aprile, fino a giovedì 7 maggio, 3 Novene consecutive, come consigliava il Beato Bartolo Longo, alla Regina delle Vittorie, alla Madonna del Rosario di Pompei; il giorno 8 maggio reciteremo la Supplica ed eventualmente proseguiremo con la recita di altre tre Novene di ringraziamento, sempre secondo le indicazioni del Beato Bartolo Longo. Parallelamente decidiamo di impegnarci in una Crociata del Rosario, recitandolo (se possibile anche intero = 3 Corone) quotidianamente con ancora maggior devozione ed assiduità. Invitiamo tutti gli Amici e i lettori ad unirsi a noi e a diffondere questa devozione: la Madonna ci salverà. Non fa niente che abbiamo già iniziato la prima Novena: chiunque può unirsi in qualunque momento. Volete unirvi a noi? Ci dareste una mano a diffondere l’iniziativa?
  5. Con molto interesse e condivisione riportiamo il trascritto libero della conversazione tra Mons. Nicola Bux ed il Dott. Aldo Maria Valli sul duello eterno tra Luce e tenebre, nell'attualità della epidemia che ha stravolto le nostre vite, ha messo in discussione il nostro modo di vivere la Fede e sottoposto ad uno sguardo critico le soluzioni adottate dai Pastori, rivelando una visione della Fede differente da quella dei due interlocutori, ma spesso lontana dallo stesso Sensum Fidei della gente comune e di chi ancora si batte per la Fede in Cristo, Presenza Reale, lontani da visioni esclusivamente sociologiche e mondane. Ma si è discusso anche di dogmi, della visione del Papa come Vicario di Cristo e della eccezionalità della Madonna in contrasto con la figura di "Maria una di noi", della sofferenza vicaria e del castigo. Vi invitiamo a leggerla o, se potete, a visionare il video sul canale Youtube della Scuola Ecclesia Mater. Don Nicola Bux. Per questa conversazione è stato scelto il tema del combattimento tra la Luce e le tenebre rappresentate dal peccato e dalla morte, in un tempo di grande crisi della fede, in un tempo in cui ciò che Cristo disse: “Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!” viene accantonato. Aldo Maria Valli. Tra i tanti temi, inizierei col dire che questa pandemia che ci costringe alla cattività sta facendo mettere a nudo alcune parole d’ordine che andavano per la maggiore fino ad alcune settimane fa, ed in particolare dal concetto alquanto ambiguo di nuovo umanesimo, fatto propria purtroppo non solo dalla politica ma anche da chi è nella Chiesa; secondo tale concezione, la “novità” sarebbe che al centro di tutto ci debba essere l’uomo e non Dio e la convinzione che l’uomo possa risolvere da sé i suoi problemi. Ritengo però che tale maschera sia caduta proprio in questi giorni, in un periodo in cui è palese che l’uomo non sia in grado di essere solo di fronte a situazioni oggettivamente difficili, prima tra tutte la questione della morte, ed ha bisogno di alzare uno sguardo trascendente e recuperare invece il rapporto con Dio. Anche i dati di ascolto delle Sante Messe in streaming e televisione aiutano a comprendere come si cerchi di recuperare questa dimensione verticale guardando verso Dio Padre cui chiedere aiuto e tramite cui dare un senso a ciò che ci travolge al di là di tutto. Quindi, altro che nuovo umanesimo, altro che piani umani fondati sugli aspetti esclusivamente sociologici, economici o politici, altro che task force nella sfera civile e tantomeno altro che nella gerarchia cattolica. Tutta questa prospettiva non dà una risposta alle domande delle persone; esse pregano Dio Padre e chiedono la intercessione di Maria in una tendenza molto trasversale. Il popolo, parola tanto abusata, ha ben altre esigenze. Bux Un cattolico deve diffidare di queste espressioni fuorvianti, tipo nuovo umanesimo. Il vero Umanesimo è quello cristiano. Se infatti l’umanesimo è quello di Cristo, diciamo all’umanità che è Cristo al centro di tutto. Purtroppo però, assistiamo ad una crisi della fede, che non significa che io non creda ma che vacilla la certezza che con Gesù Cristo sia venuto nel mondo tutto quel che di nuovo potevamo attenderci, ovvero andando con Sant’Ireneo “Gesù portò ogni novità, portando se stesso”. In realtà non è questo il nuovo che si sta cercando, masi sta andando alla ricerca di altro. Valli. Le persone di fronte alla Legge Divina cercano risposte che diano veramente significato e queste le possono trovare nella Tradizione. La richiesta che ne vien fuori magari è molto confusa, ma è molto forte e presente. Negli ultimi tempi la Chiesa ha rivolto apprezzamenti alle istituzioni esclusivamente umane come UNESCO, ONU e quant’altro, spesso in netta antitesi con dottrina e morale cattolica. Proprio oggi, nel momento della difficoltà vera, queste istituzioni umane non hanno nulla da dire, nulla di sensato che possa aiutarci, messaggi generici ma che non sono incidenti sulle nostre vite, sulla profondità del nostro animo. La persona o la famiglia in difficoltà ha invece bisogno di una parola di verità, di fede sincera, espressa anche in maniera semplice e senza elucubrazioni, ma che ci riempia il cuore e che ci dia speranza. Sul blog Duc in Altum una fedele mi scrive che in questo periodo di quarantena la sua famiglia sta vivendo una nuova devozione mariana, altri scrivono che hanno recuperato la recita del Santo Rosario in famiglia. Ecco dove le persone trovano le risposte. Quali maschere cadono? Uno degli ultimi concetti “nuovi” introdotti nella Chiesa è stato quello della Pachamama, un simbolo che rappresenta la natura diventata “madre natura” cui noi dovremmo assoggettarci. Le vicende di questi giorni dimostrano però che la natura può essere matrigna, un virus misterioso, e che anche questo è natura. Trasformarla in idolo come è stato fatto per Pachamama è stato un grosso abbaglio. Il Popolo cattolico si rende ora conto della ferita di Pachamama, anche persone non estremamente preparate teologicamente, anche a chi non dà normalmente peso alle parole della gerarchia. La stessa processione sulla tomba di Pietro della Pachamama, introduzione di un idolo pagano in un luogo sacro, tante persone hanno aperto gli occhi e si sono chieste: perché?. E’ palese quindi che la Provvidenza stia lavorando per noi facendo cadere tante maschere ideologiche e riporti la esigenza di recuperare la nostra bella fede. Mi ha molto colpito la numerosa presenza dei sindaci italiani nelle preghiere di consacrazione ed affidamento ai Santi Patroni delle Città, l’essere insieme ai Pastori con la fascia tricolore, quindi in rappresentanza della cittadinanza. Un messaggio veramente forte. Bux Chissà che veramente una parte dei pastori ponga ora veramente una nuova attenzione a quello che succede. Al di là delle disquisizioni di questi giorni sul fatto che questa epidemia possa o non possa essere un castigo, rimane fermo che “non si muove foglia che Dio non voglia”. Chi crede, infatti, crede che Dio opera e fa come il padre che vede giocare i bambini, ed interviene per mettere le cose a posto quando non si comportano bene. Il Signore si serve di questi eventi per rilanciare le questione fondamentale della Fede e di cosa Essa veramente sia, perché nessuno di noi potrebbe parlare di Fede se non vivesse in presenza di Dio, anche in senso molto spiccio e pratico. La Chiesa nei suoi vertici dovrà rispondere a questo se vuole tener conto di quanto accaduto, del fatto che. Dio è presente ed opera sempre secondo i suoi criteri e tali criteri sono presenti dalla Scrittura, nel Magistero, nella Parola di Dio. Valli. Tante persone mi hanno scritto di essere state prese da un sentimento di profonda tristezza quando è stato evidente che la Santa Messa sia stata messa da parte e trattata come un semplice accessorio e non invece come fonte essenziale, addirittura fonte di rischio e non di salvezza. Non è stato neppure preso in considerazione di permettere di prendere parte alla Messa; per assurdo, in un supermercato è stato possibile andare, mantenendo la distanza, tenendo la mascherina e così via, ma in Chiesa no. Subito è passata la idea di eliminare le Messe con concorso di pubblico. Bux Un Vescovo tedesco proprio in questi giorni si è espresso affermando che non sia necessario “enfatizzare la Eucaristia e che il Concilio afferma che il Signore sia presente anche nelle Scritture”. Ma la Eucaristia è più importante del cibo perché è farmaco della vita eterna, dell’immortalità, un farmaco salvavita! Può un Vescovo tenere i fedeli senza un cibo essenziale? I primi Martiri cristiani che ci tenevano tanto alla eucaristia, cosa staranno pensando? Che sono dei pavidi, che non hanno saputo prendere di petto le autorità! Nelle catechesi che verranno dovremo spiegare se questo farmaco è facoltativo e può essere sospeso o se è vitale; qualcuno dovrà dar ragione di tutto ciò. Si può sospendere un farmaco così importante? Ci sono altri parafarmaci che lo possano sostituire? Valli Quello che ha colpito negativamente è la fretta con cui si è eliminata la presenza delle perone dalle Messe, addirittura in un primo momento portando le Chiese totalmente chiuse, salvo poi ritornare sui propri passi. Non si è neppure provato a trovare una possibilità alternativa di partecipazione. E’ vero che tutti i giorni la messa è garantita in streaming è il momento più bello della giornata. La Comunione spirituale, in mancanza di quella Reale, è già d’aiuto e ci sono aspetti positivi nei risultati cui ha portato la buona volontà di tanti Sacerdoti e fedeli. Ma la ferita della superficialità rimane, insieme alla impressione di essere guidati da funzionari, burocrati della religione. Bux Molti orientali mi hanno contattato stupiti del comportamento dei cattolici; in Georgia, Bulgaria o Serbia gli Ortodossi hanno reagito dicendo: “Non possiamo vivere senza il Signore”. In Grecia sono in subbuglio perché si teme venga seguita la linea UE di chiusura ed i greci stanno discutendo molto su come agire con precauzioni senza arrivare a quello cui siamo arrivati noi. Valli Qualcuno obietta che sarebbe stato difficile garantire la sicurezza, trovare servizi d’ordine per le persone indisciplinate. Non raccolgo queste motivazioni perché, c’è una gerarchia di valori. Se ti sta a cuore veramente un qualcosa, i modi si trovano. Bux E’ vero che un modo si sarebbe potuto trovare. Tant’è che hanno regolato accesso alle mense Caritas; avrebbero potuto farlo per le Sante Messe. Valli Non c’è stata la volontà ed in questo modo hanno mostrato di vedere nella Messa solo una assemblea e nella Chiesa una sala che va riempita eliminando la visione trascendentale, Nostro Signore, eliminando il Tabernacolo. Bux. Dovremmo forse raccomandare, a mo’ di battuta, a Vescovi e Preti di “vivere come se Dio esistesse” parafrasando quanto Papa Benedetto XVI diceva ai laici non credenti. Il problema è tutto lì. Un prete che è prete se non è consapevole che Dio è sempre presente come fa ad essere Sacerdote? Come afferma il Cardinal Sarah, questa è una crisi della Fede ed è una crisi del Sacerdozio. Oggi alcuni pensano di essere un po’ assistenti sociali, a volte distributori di pacchi. Ma il Sacerdote è primariamente mediatore tra uomo e Dio. Abbiamo, in questi anni, tolto Gesù Cristo presente nel Tabernacolo ed abbiamo messo al Suo posto la sedia del celebrante, desiderando poi essere chiamati “Presidenti” e non ministri; ma il sacerdozio ha questa funzione di amministrazione delle cose di Dio! Ecco perché la crisi è una crisi della Fede che trascina con sé la crisi del sacerdozio. Si fanno tanti progetti a prescindere da Cristo, tanto che il Cardinal Biffi diceva che Cristo è spesso una scusa per parlare d’altro. In qualche maniera però, poi il Signore rimescola le carte per far capire ai tanti che il Centro è e rimane Cristo. La Chiesa non può mutare secondo il piacere degli uomini, non può mutare ciò che è divinamente rivelato, come non può mutare la indissolubilità del matrimonio e la consistenza e l’essenza del sacerdozio perché tutto ciò non dipenden da essi.. “Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli”, così disse Gesù Cristo a Pietro. Il Papa è così il garante dell’ubbidienza alla volontà di Dio e non a quella degli uomini come la storia della Chiesa in larga parte dimostra. L’apostolo Pietro ha ricevuto un primato di giurisdizione di fede autentica, come dommaticamente riporta la Pastor Aeternus del Concilio Vaticano I. Il fatto che si chiami “Vicario di Cristo”, indica che deve confessare al mondo questa verità: “Cristo è la Via, la Verità e la Vita”. Esso non è un titolo storico, ma dommatico. Ci sono anche titoli minori, come Sommo Pontefice, Primate d’Italia etc., titoli che esprimono la gerarchia , ma non sono solo storici, ma danno maggior comprensione della Chiesa di Roma e del ruolo del Vescovo di Roma. Mi aspetterei che qualcuno dia una spiegazione del fatto che qualcuno abbia relegato la definizione di “Vicario di Cristo” a mero titolo storico, come fatto in questi giorni sull’Annuario Pontificio. Solovyov diceva che il primato petrino non meno delle Scritture e della tradizione ha un solo scopo: l'incontro con Cristo, la bellezza presente e visibile che salva il mondo, e lo diceva da Ortodosso. Alcuni potrebbero obiettare che Giovanni Paolo II in Ut unum sint abbia avanzato disponibilità a rivedere il primato petrino, ma a costoro bisogna rispondere che lo stesso al 95 afferma pure che in alcun modo la Chiesa Cattolica può rinunciare a tutto quello che nel primo millennio ha maturato il primato romano e che essere successore di Pietro implica il diritto divino del primato romano. Pertanto né per ecumenismo o per condiscendenza con altre posizioni religiose il Papa può abdicare a ciò. Coloro che hanno mutato il senso del primato petrino, dovrebbero renderne ragione. Tanti cominciano a porsi domande. Valli: Sarebbe effettivamente un gesto di attenzione verso il popolo aiutarlo a comprendere cosa accade su di un argomento così importante per la propria vita di fede, se non si ritiene che la attenzione al popolo sia solo uno slogan. Un altro aspetto che ha colpito molto i fedeli è la considerazione di Papa Francesco sulla Madonna già fatta il 12 Dicembre scorso in occasione della festa della Madonna di Guadalupe, e che ha riaffermato ancora pochi giorni fa quando ha espresso che Ella sia solo donna, madre e discepola, “una di noi”, quasi a sottolineare che non ci sia alcun titolo di regalità che le appartenga; qualcuno ha voluto parlare di “minimalismo mariano” da parte del Papa. Ma anche il senso comune dei cattolici ha avvertito qualcosa di strano. La domanda che ci si pone è: perché andare contro una sensibilità cattolica che va in senso ben diverso? Bux. La Madonna “una di noi” era una definizione cara anche a Don Tonino Bello. Ma come Madre di Dio, concepita immacolata dal peccato originale, assunta in cielo anima e corpo, non si può assolutamente dire che sia “una tra tante”. Questo concetto rientra tra i punti cardine della Teologia della Liberazione, diffusa in Sudamerica qualche decennio fa, e Papa Francesco a volte attinge da questo retroterra in maniera anche leggera. Se queste affermazioni su Maria sono vere, devono spiegare perché è “una di noi” e perché la Chiesa ha proclamato dei dogmi su Maria, dove i dogmi altro non sono che dei punti imprescindibili da cui non si può tornare indietro. Diversi pontefici, non ultimo Giovanni Paolo II ha affermato che la partecipazione di Maria sotto la Croce è un contributo che non potremmo dare noi e che non hanno dato altri; non è inoltre possibile, in un anno liturgico costellato di grandi feste mariane, ridurre la Madonna ad una di noi. Da creatura quali siamo noi ha fatto un percorso pellegrinaggio della fede fino ad arrivare a vette eccelse, irragiungibili. Cancellarne così il ruolo, significherebbe cancellare l’intero capitolo VIII della Lumen Gentium dedicato alla Madonna, sminuendo di conseguenza la figura di Cristo incarnato perché Maria ha dato il suo sì a che Cristo si incarnasse. Valli La pietà popolare ha trovato tanti modi nel Santo Rosario per dirLe che Le vogliamo tanto bene in modi sempre nuovi, Regina, Madre, Torre; è commovente tanto attaccamento e si potrebbe dire che il Sensum Fidei ha tanto da dire anche da un punto di vista teologico. Ultimo argomento. Tramite il blog spesso gli utenti riportano allarmati i segni di un millenarismo emergente o riemergente, in cui tante persone vedono una sorta di messaggio che il cielo sta rivolgendo all’uomo. Alcuni dicono che siamo all’inizio di una serie di prove. Un insieme vario di sentimenti serpeggia anche se se ne parla poco. Bux Dico: spero di no. Dobbiamo ricordare infatti che se ritorniamo al Signore, nell’alleanza fatta in Cristo Gesù che ha espiato per noi uomini e la nostra salvezza, con le nostre preghiere ed azioni buone possiamo allontanare piaghe e castighi, così come impariamo dalla stessa rivelazione biblica e non dobbiamo mai dimenticarlo, perché ne è il senso profondo. “Eppure egli ha preso su di sé le nostre malattie, si è caricato delle nostre sofferenze, e noi pensavamo che Dio lo avesse castigato, percosso e umiliato. 5Invece egli è stato ferito per le nostre colpe, è stato schiacciato per i nostri peccati. Egli è stato punito, e noi siamo stati salvati. Egli è stato percosso, e noi siamo guariti”, come ha detto Isaia (52). La Rivelazione parla sì spesso di castighi divini come nel Salmo 81 “Ma il mio popolo non ha ascoltato la mia voce, Israele non mi ha obbedito”. Ma, per quanto Gesù si sia fatto carico del peccato, noi abbiamo una parte di sofferenza da compiere, la sofferenza vicaria. Anche gli innocenti che soffrono e muoiono portano il peso del male del mondo. Quando seguivo le cause dei santi, in diversi offrivano sé stessi come vittima di espiazione. Oggi, 16 aprile, è Santa Bernadette; ella era consapevole che la Madonna le aveva chiesto di prender parte dei peccati del mondo e non a caso a Lourdes si è sviluppata una attenzione particolare verso la sofferenza. Se uno come Padre Cantalamessa afferma che “Dio non castigherebbe altrimenti come puoi spiegare che gli innocenti ed i poveri soffrono” si può richiamare la parabola del grano e della zizzania, ove il Signore dice lasciate crescere insieme grano e zizzania, ma poi alla fine la cernita la farò io. Ma si dimentica anche e soprattutto quello che Cristo ha fatto soffrendo lui stesso. Nella storia tantissimi santi e sante hanno partecipato completando ciò che manca alla sofferenza di Cristo. Gli ebrei stessi ne avevano ben chiaro il concetto e questo era riassunto nel capro espiatorio che, senza colpa, sopporta i guai causati da altri o di altri. Un catechismo degno di questo nome dovrebbe poter illustrare chiaramente questi concetti. Valli Tirando le conclusioni, la Fede ha bisogno di essere nutrita e, probabilmente, la società non è così secolarizzata come si dice. C’è una forza che è dentro di noi ma deve essere nutrita con l’essenziale e non con tanti discorsi che prendono e riportano tal quali gli slogan dai discorsi del mondo. Oggi c’è molto bisogno di pensiero cattolico! Di seguito il video.
  6. Preghiamo perché i Vescovi riescano a riportare i Sacramenti, la Santa Messa, il Santo Sacrificio Eucaristico,il giusto Culto nella nostra quotidianeità.Preghiamo perché la Beata Maria apra i cuori ed illumini le anime degli amministratori civili, a che riconoscano la essenzialità di Cristo nella propria vita ed in quella dei propri governati.Preghiamo sempre per la Salvezza delle nostre anime e, riconosciute le nostre colpe, a che ci venga un giorno concesso di ammirare la Luce nella Vita Eterna. #IPC Se potete, condividete la preghiera, anche a che chi debba sapere, sappia che c'è un popolo che soffre e che ancora confida nei propri pastori.
  7. di Billy Ryan Dal primo miracolo di Cristo alle Nozze di Cana all'essere trasformato nel sangue della Nuova Alleanza nell'Ultima Cena, non è un segreto che il vino abbia avuto un ruolo importante nel Cristianesimo. Fin dalle prime celebrazioni, la bevanda fu usata per celebrare l'Eucaristia. Tuttavia, non tutti i vini sono accettabili per l'uso. Che tipo di vino può essere usato per la consacrazione? “Il calice della benedizione che benediciamo, non è una partecipazione al sangue di Cristo? Il pane che spezziamo, non è una partecipazione al corpo di Cristo? ” - 1 Corinzi 10:16 Nel corso dei secoli, sono state stabilite varie linee guida e criteri riguardanti le specificità del vino appropriato per l'uso nella celebrazione dell'Eucaristia. I primi insegnamenti della Chiesa sui requisiti sia del pane che del vino nell'Eucaristia provengono dalla bolla papale De Defectibus firmata per ratifica dal Concilio di Trento. "Se il vino è diventato mero aceto, o è completamente cattivo, o se è stato ottenuto da uve acide o acerbe, o se è stata mescolata tanta acqua con il vino che è adulterato, non c'è Sacramento." - De Defectibus, tit. IV, 1 Il 5 agosto 1896 furono stabilite ulteriori linee guida in una direttiva della Congregazione per la Dottrina della Fede relativa agli additivi derivati dal vino. "Per conservare i vini deboli e deboli e per impedire loro di inaridirsi o rovinarsi durante il trasporto, è possibile aggiungere una piccola quantità di alcolici (grappa d'uva o alcool), purché siano rispettate le seguenti condizioni: • Lo spirito aggiunto deve essere stato distillato dall'uva (ex genimime vitis). • La quantità di alcool aggiunta, insieme a quella che il vino conteneva naturalmente dopo la fermentazione, non deve superare il 18% del totale. • L'aggiunta deve essere effettuata durante il processo di fermentazione. " Nel 1983, i requisiti furono formalizzati nel Codice di Diritto Canonico. “Il Santissimo Sacrificio dell'Eucaristia deve essere celebrato ... nel vino a cui aggiungere una piccola quantità di acqua. Il vino deve essere naturale dal frutto della vite e non rovinato. " - Codice di Diritto Canonico §1,3 Gli ultimi insegnamenti della Chiesa riguardanti i requisiti della materia Eucaristica provengono dal documento del 2004 Redemptionis Sacramentum della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. “Il vino che viene utilizzato nella celebrazione più sacra del Sacrificio Eucaristico deve essere naturale, dal frutto dell'uva, puro e incorrotto, non mescolato con altre sostanze. Durante la celebrazione stessa, una piccola quantità di acqua deve essere miscelata con essa. Bisogna fare molta attenzione affinché il vino destinato alla celebrazione dell'Eucaristia sia ben conservato e non abbia un sapore aspro ”. - Redemptionis Sacramentum, cap. 3, 1 Qual è la versione ridotta dei vari requisiti stabiliti nel corso degli anni? Qualsiasi vino prodotto commercialmente (rosso, bianco, rosato) è accettabile purché sia fatto naturalmente di uva e rientri nell'ABV (gradazione alcolica) generalmente accettato dai canonisti dell'8% - 18%. Non sono ammessi additivi ad eccezione delle minuscole quantità di solfiti come conservanti. Per coloro che soffrono di intolleranza all'alcool e sono stati autorizzati da un ordinario locale caso per caso, il mosto è permesso purché il contenuto alcolico rimanga al di sopra dell'1%. Il mustum è il succo d'uva che è stato lasciato fermentare solo per un breve periodo di tempo. Libera traduzione da U Catholic
  8. «È stato fatto l’esempio dei medicinali, essi noi li vediamo sono banali apparentemente, piccole compresse, fiale…però contengono una potenza che poi si dimostra negli effetti che hanno. Giustamente alcuni Santi dell’antichità chiamavano i Sacramenti “farmaci”, per esempio uno dei primi padri della chiesa, Sant’Ignazio di Antiochia chiamava l’eucarestia “farmaco dell’immortalità”. I sacramenti, questi “farmaci”, infatti, assunti con le dovute disposizioni producono gli effetti di grazia. Il catechismo della chiesa cattolica alla fine dei capitoli sui sacramenti conclude con un paragrafo sugli effetti che portano. Però attenzione, come i farmaci, hanno anche delle controindicazioni, cioè non si possono assumere a qualsiasi condizione, come per esempio per un divorziato-risposato, sul poter ricevere anche la Santa comunione, questa è una grave controindicazione, perché chi ha rotto un rapporto, mettendone su un altro, come può entrare con colui che ha istituito il sacramento della comunione, dell’unità. Giustamente san Paolo dice che chi assume in questa maniera l’Eucarestia prende il veleno, cioè invece di prendere la salvezza prende il veleno, la condanna, e quindi questa è una controindicazione»; «Oggi la liturgia è stata profanata, cioè si sono introdotti in essa tanti elementi che vengono dal mondo profano e che finiscono via via per svuotarla dal suo carattere sacro, e quando dico sacro si vuole intendere il luogo della presenza di Dio. Dire sacro mi fa subito venir in mente quando Dio dice a Mosè dal roveto: attenzione, togliti i sandali perché questo luogo che stai calpestando è sacro, perché sacro, perché è presente Lui. Quindi dove Dio è presente c’è il sacro. Invece il profano è ciò che è di fronte al sacro e che probabilmente desidera essere raggiunto dal sacro, però per essere raggiunto dal sacro deve lasciarsi convertire da esso e in qualche modo deve comunque abbandonare qualcosa, certamente modi che non sono consoni a Dio, allora, il sacro avanza e consacra, come noi spesso diciamo. I sacramenti sono la consacrazione della materia profana all’uso della nostra salvezza e guarigione, nutrimento e via dicendo» (Don Nicola Bux) * * * * * * * * * «Con i Sacramenti tocchiamo Cristo, ascoltiamo Cristo, ci nutriamo di Cristo, gustiamo Cristo (con i sacramenti non si scherza pag. 23). La chiesa dà Cristo attraverso i Suoi Sacramenti, la Chiesa deve dare Cristo, la Chiesa non salva attraverso ciò che fa ma attraverso ciò che celebra. Tra i dogmi di Fede più dimenticati secondo me vi è senza dubbio proprio quello dell’esistenza della Grazia di Dio, e pensare che la Grazia, tutti i giorni in parrocchia o comunità, è tutto il fondamento dell’edificio spirituale. Dall’avere o non avere la grazia dipende la nostra felicità o la nostra infelicità eterna. La Grazia di Dio ci solleva con un sol colpo ad un piano infinitamente più elevato di quello puramente naturale e terreno, sì da poter dire che tra un uomo che vive nella grazia di Dio e uno che non vive nella grazia di Dio vi è la stessa differenza che c’è tra il cielo e la terra»; «C’è bisogno di ritornare ad avere più fede nel mondo, al giusto rapporto tra vita naturale e vita di grazia tra natura e soprannaturale, per tutto questo ci educa la sana e autentica liturgia della chiesa, la sua preghiera per eccellenza, la quale preserva il dogma della fede da ogni contaminazione ed è fonte di ogni bellezza». (Don Matteo de Meo) Scuola Ecclesia Mater - conferenza
  9. DOMANDA La preghiera Eucaristica dobbiamo considerarla tutta consacratoria. RISPOSTA: Una prima osservazione: se tutta l’anafora è consacratoria, allora niente è consacratorio di quella preghiera; bisognerebbe infatti, spiegare perché mai gli studiosi l’abbiano distinta in più parti(prefazio, epiclesi, anamnesi, intercessioni, ecc). Del resto, nel pensiero dei padri l’epiclesi allo Spirito è operante ed efficace per le parole di Cristo. Alcune testimonianze: Giovanni Crisostomo: “Non è l’uomo a far sì che le offerte divengano il corpo e il sangue di Cristo, ma Cristo stesso, crocifisso per noi. Il prete è lì a rappresentarlo e pronuncia le parole, ma la potenza e la grazia sono di Dio. Questo è il mio corpo, egli dice. Questa parola trasforma le offerte”[1]. Tommaso d’Aquino ha portato il suo contributo decisivo: “ …la conversione (eucaristica) di cui parliamo è istantanea. Primo, perché la sostanza del corpo di Cristo, alla quale termina questa conversione, non ammette un più e un meno. Secondo, perché in questa conversione non c’è un soggetto da preparare gradualmente. Terzo, perché viene compiuta dall’infinita virtù di Dio.(…) Perciò si deve rispondere che questa conversione avviene, come si è detto, per le parole di Cristo proferite dal sacerdote, in modo che l’ultimo istante della dizione di quelle parole è il primo istante della presenza del corpo di Cristo nel sacramento, mentre in tutto il tempo precedente c’era la sostanza del pane”[2]. Dunque, il concilio Tridentino non ha dovuto fare altro che registrare un dato: “Nella Chiesa di Dio c’è stata sempre la fede che subito dopo la consacrazione c’è il vero corpo di N.S.G.Cristo e il suo vero sangue sotto la specie del pane e del vino insieme alla sua anima e divinità. Ma il corpo sotto la specie del pane, il sangue sotto la specie del vino in forza delle parole,ecc”[3]. Si obietta da parte di alcuni liturgisti che Tommaso e il concilio di Trento non erano sensibili alla vita liturgica e alla lex orandi e perciò avrebbero avallato una concezione statica dell’eucaristia, mentre attribuendo valore consacratorio all’epiclesi ne riceverebbe impulso quella dinamica. A parte un certo sapore calvinista di tale proprietà attribuita all’eucaristia, si dovrebbe osservare che, nell’economia biblica come in quella liturgica, lo Spirito viene invocato ed effuso prima perché deve condurre a Cristo, proprio come nell’iniziazione sacramentale: dal battesimo alla confermazione e all’eucaristia. In ogni caso, che lo Spirito s’invochi prima o dopo, o prima e dopo, di certo conduce a Cristo e non da un’altra parte e opera una cum Patre et Filio. Osserva sant’Ambrogio: “…che dire della benedizione fatta da Dio stesso dove agiscono le parole medesime del Signore e Salvatore? Giacché questo sacramento che tu ricevi si compie con la parola di Cristo…La parola di Cristo, dunque, che ha potuto creare dal nulla quello che non esisteva, non può cambiare le cose che sono in ciò che non erano? Infatti non è meno difficile dare alle cose un’esistenza che cambiarle in altre… Lo stesso Signore Gesù proclama: ‘Questo è il mio corpo’. Prima della benedizione delle parole celesti la parola indica un particolare elemento. Dopo la consacrazione ormai designa il corpo e il sangue di Cristo. Egli stesso lo chiama suo sangue. Prima della consacrazione lo si chiama con un altro nome. Dopo la consacrazione è detto sangue. E tu dici:”Amen”, cioè, “E’ così””[4]. Si comprende la crescente consapevolezza ecclesiale, culminata nelle definizioni dei concili di Firenze e di Trento, che le parole della consacrazione siano costitutive del gesto eucaristico e necessarie per la fede cattolica[5]. Inoltre, l’elevazione delle specie consacrate, nata dalla pietà medievale, è il segnale che il mistero si è compiuto nella transustanziazione e costituisce anche l’invito all’adorazione. Analogamente le rubriche della liturgia bizantina prescrivono che il sacerdote reciti le parole a capo chino, alzando in modo epicletico e reverente la destra sul pane e dopo segnando con la croce il calice, prima di pronunciare le parole [6]. Se l’invocazione dello Spirito è operante ed efficace, secondo i padri suddetti, con le parole dell’istituzione, non è sostenibile la valenza consacratoria dell’epiclesi. Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che “Nel racconto dell’istituzione l’efficacia delle parole e dell’azione di Cristo, e la potenza dello Spirito Santo, rendono sacramentalmente presenti sotto le specie del pane e del vino il suo Corpo e il suo sangue, il suo sacrificio offerto sulla croce una volta per tutte”(1353); inoltre, che “la presenza eucaristica di Cristo ha inizio al momento della consacrazione e continua finché sussistono le specie eucaristiche” (1377). Quindi, si conosce il momento preciso: dopo le parole di Cristo comincia la presenza e quindi l’adorazione. Non è un limite legato alla nozione di tempo fisico: è l’istante di Dio che è diventato tempo sacramentale, da quando egli, l’eterno, è entrato nel tempo fisico e vi si è sottomesso. I teologi contemporanei non ci hanno resi sensibili all’hic et nunc della liturgia? Perché scandalizzarsi allora del momento preciso? Il cristianesimo non è l’evento di un dio mitico senza tempo. Questo noi crediamo e insegniamo. Resta il confine additato da Paolo VI: “Ogni spiegazione teologica, che tenti di penetrare in qualche modo questo mistero, per essere in accordo con la fede cattolica deve mantenere fermo che nella realtà obbiettiva, indipendentemente dal nostro spirito, il pane e il vino han cessato di esistere dopo la consacrazione, sicché da quel momento sono il corpo e il sangue adorabili del Signore Gesù ad essere realmente presenti dinanzi a noi sotto le specie sacramentali del pane e del vino”. (Solenne professione di fede, 30 giugno 1968,25: AAS 60(1968), 442-443). [1] De proditione Iudae, Homilia I,PG 49, col 380, in particolare 389-390. [2] Summa Theologiae, III pars, q.75,a.7: ed.Salani,1971, vol XXVIII,p 109-112. [3] Acta Concili Tridentini, Sessione XIII, cap.3:Denzinger, 1640. [4] De mysteriis,52.54; SCh 25 bis, 188. [5] Concilio di Firenze, Decretum pro Armenis;DS 1321; Concilio di Trento, Doctrina de ss.Missae Sacrificio; DS 1740-1: che sottolinea : <uti semper catholica Ecclesia intellexit et docuit> (cap 1). [6] Cfr lo studio classico di M.Gordillo, L’epiclesi eucaristica.Controversie con l’Oriente bizantino-slavo, in A.Piolanti(a cura di),Eucaristia. Il mistero dell’altare nel pensiero e nella vita della Chiesa, Roma 1957.
  10. DOMANDA Qual è il significato di EUCARESTIA che in sé stesso e per la nostra vita? Partiamo dal fatto che la stessa Eucaristia è stata chiamata in modi diversi: cena del Signore, la “fractio Panis” (più antica); questo ci dice che è importante quel gesto della frazione del pane. Una cosa che la teologia ha consolidato è che è il “Memoriale della Pasqua”. Nella storia alcuni hanno privilegiato: Cena del Signore da cui è derivato un “Banchetto”; prima di essere un Banchetto però, la Cena è quanto descritto nella 1° LETTERA di S.Paolo Corinzi e CENA del SIGNORE: versetti 23-26 S.Paolo Corinzi. RISPOSTA: Come definire questo sacramento Cristo ha istituito questo sacramento per rendere presente la sua passione e morte, il suo sacrificio sugli altari. Infatti egli dice: “Il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”(Gv 6,51). Lo ha fatto per rimanere con gli uomini tutto il tempo della loro vita: “Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo”,(Mt 28,20).Lo ha fatto per farsi cibo e bevanda dell'anima, dicendo: “Io sono il pane della vita,chi viene a me non avrà più fame”(Gv 6,35). Lo ha fatto, per visitare l'uomo nel momento della morte e per portarlo in Paradiso. Infatti ha detto: “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna”. (Gv 6,54). L'istituzione dell’eucaristia da parte di Gesù, avviene nel contesto della cena pasquale e, soprattutto, sulla croce. Qui si propone una prima questione, che riguarda le caratteristiche del sacramento eucaristico: è una cena o un sacrificio? Così risponde il Catechismo: “La Messa è ad un tempo e inseparabilmente il memoriale del sacrificio nel quale si perpetua il sacrificio della croce, e il sacro banchetto della Comunione al corpo e al sangue del Signore”. Non è solo un accostamento, poiché vi è un nesso intimo tra cena e sacrificio. Infatti: “La celebrazione del sacrificio eucaristico è totalmente orientata all'unione intima dei fedeli con Cristo attraverso la Comunione. Comunicarsi è ricevere Cristo stesso che si è offerto per noi”(CCC 1382). Certo, il termine memoriale può essere inteso come ricordo di un fatto passato. Non è così, grazie allo Spirito Santo che ci ricorda ogni cosa (cfr Gv 14,26); l'eucaristia fatta dalla Chiesa rende presente e attuale la pasqua di Cristo e il suo sacrificio offerto una volta per tutte (cfr CCC 1364). Rende presente anche la risurrezione? Col battesimo e soprattutto con l'eucaristia, il cristiano soffre e muore con Cristo, mentre della risurrezione riceve il germe che si svilupperà in pienezza alla fine dei tempi, secondo la parola del Signore: “io lo risusciterò nell'ultimo giorno”(Gv 6,40).Ma finché siamo “nella carne”, noi partecipiamo alla sua passione e attendiamo, nella fede e nella speranza, il giorno della glorificazione. Inoltre, si tratta di sacro banchetto, o convito, nel quale si riceve Gesù Cristo, si fa memoria della sua passione, il cuore si riempie di grazia: viene dato l'anticipo della gloria futura. Sacro significa che c'è la sua presenza divina e quindi bisogna avvicinarsi con quel timore di Dio, che è uno dei sette doni dello Spirito Santo. Il sacrificio sacramentale è definito eucaristia, termine greco che vuol dire azione di grazie o benedizione, memoriale e presenza di lui, operata dalla potenza della sua parola e dallo Spirito Santo; il tutto culmina nella comunione. E' festa in senso spirituale, non mondano: non vive di trovate accattivanti, non deve esprimere l’attualità effimera, non è un intrattenimento che deve aver successo, ma ravvivare la coscienza che il mistero è presente tra noi. E' festa della fede, in cui deporre, come dice la liturgia bizantina, ogni mondana attitudine, perché “misticamente rappresentiamo i cherubini”(tropario d'offertorio). Ora, è in voga nei canti, nelle preghiere e nei formulari per l'adorazione eucaristica questa espressione: 'Gesù Cristo è presente nel pane consacrato'. Anche Lutero sosteneva che Cristo fosse nel pane. Con linguaggio approssimativo, e carente di dottrina, si aggiunge: ma è un mistero. Cristo non ha detto di essere presente nel pane e neppure: “questo pane è il mio corpo”, ma: questo è il mio corpo”, questo indica il passaggio dal pane, che ha preso nelle mani, al corpo, perché in quel momento viene consacrato, cioè la sostanza del pane si converte - come dice il concilio di Trento - nella sostanza del corpo. Sotto – in senso ontologico e non spaziale – le apparenze o aspetto(species) del pane (oggi si direbbe fenomeno) sta il corpo di Cristo. Non è più pane, ma Cristo. Le specie sulle quali è stato fatto il 'rendimento di grazie', dal greco …, sono diventate eucaristiche. Perciò si deve parlare della 'presenza di Cristo sotto le specie eucaristiche'. L'espressione 'pane consacrato' va pure spiegata. Anche quando Gesù e, successivamente, Paolo usano espressioni, come: “Chi mangia questo pane”(Gv 6,51) e “il pane che noi spezziamo”(1 Cor 10,16), esse vanno intese in senso metaforico; comunque, quando Gesù afferma di essere “Pane di vita”(Gv 6,26-71) intende parlare della sua persona e della sua vita: il suo corpo e il suo sangue, nel linguaggio concreto semitico. Difficile? Ecco la necessità della catechesi, anche mediante i canti? Gesù ha istituito questo sacramento quando ha preso il pane, dicendo: “questo è il mio corpo offerto in sacrificio...” e, poi, il calice del vino, dicendo: “questo è il calice del mio sangue, versato...” e ordinando: “fate questo in mia memoria”. Il punto è che le parole consacratorie dichiarano il fine: il corpo è offerto in sacrificio per noi e il sangue è versato per la remissione dei peccati. Perciò, in relazione alla passione di Cristo, in cui il sangue era separato dal corpo, il concilio di Trento definisce la santa messa “vero e proprio sacrificio” di Gesù Cristo. Egli si rende presente sull'altare – alta-res, luogo alto per il sacrificio – in obbedienza alle parole consacratorie del sacerdote, e, a causa della separazione del corpo dal sangue, è nella condizione di vittima immolata (immolatitius modus: cfr Enciclica Mediator Dei Pio XII, n 70). Per questo, l'altare è anche mensa dell'Agnello immolato (cfr Apocalisse 5,6), per ricevere il pane, separatamente, come sacramento del corpo e il vino come sacramento del sangue (cfr san Tommaso d'Aquino, Summa Theologiae III q 74 a.1 sc). Dunque, quale corpo di Cristo è presente nel sacramento? Quello assunto da Maria nell'incarnazione e trasfigurato con la risurrezione e con l’ascensione: qualcuno direbbe che è meglio non dire 'carne di Cristo', ma corpo spirituale o glorioso; però, il Catechismo dice: “La Comunione alla Carne del Cristo risorto, 'vivificata dallo Spirito Santo e vivificante', conserva, accresce e rinnova la vita di grazia ricevuta nel Battesimo”(1392). Sant'Ambrogio osserva: “Noi costatiamo che la grazia ha maggiore efficacia della natura...La parola di Cristo...che ha potuto creare dal nulla quello che non esisteva, non può cambiare le cose che sono in ciò che esse non erano? Infatti non è meno difficile dare alle cose un'esistenza che cambiarle in altre ...Forse che fu seguito il corso ordinario della natura quando Gesù Signore nacque da Maria?...Ebbene quello che noi ripresentiamo è il corpo nato dalla Vergine...E' dunque veramente il sacramento della sua carne”(sant'Ambrogio, Sui misteri, nn 52-53; SC 25 bis, 186-187).
×
×
  • Create New...

Important Information

Informativa Privacy