Vai al contenuto

IL CREDO; Capo X; Del Nono Articolo: "Credo la Santa Chiesa Cattolica, la Comunione dei Santi"; Parte 4

Valerio

58 visite

Il Papa, che noi chiamiamo pure Sommo Pontefice, o anche il Romano Pontefice, è il successore di san Pietro nella Cattedra di Roma, il Vicario di Gesù Cristo sulla terra e il capo visibile della Chiesa.
E' il successore di san Pietro, perché quest'ultimo, nella sua persona, riunì la dignità di Vescovo di Roma e di capo della Chiesa; stabilì in Roma, per divina disposizione, la sua sede ed ivi morì, perciò chi viene eletto vescovo di Roma è anche erede di tutta la sua autorità. Il Romano Pontefice è il Vicario di Cristo, perché lo rappresenta sopra la terra e ne fa le veci nel governo della Chiesa. E' il capo visibile della Chiesa, perché egli la regge visibilmente coll'autorità medesima di Gesù Cristo, che ne è il capo invisibile. La dignità del Papa è la massima fra tutte le dignità della terra, e gli dà potere supremo ed immediato sopra tutti e singoli i Pastori e i fedeli.
Il Papa non può errare, ossia è infallibile, nella solenne definizione delle Verità della Fede (Dogmi della Fede Cattolica), nell'esercizio della sua suprema autorità di Maestro di tutti i cristiani, in virtù del sacro Ministero Petrino, cioè, si dice, quando parla "Ex Cathedra" (ma non nei suoi discorsi né omelie comuni, come anche nei pronunciamenti e negli scritti pastorali e non dogmatici, in cui può sbagliare non essendo soggetti all'infallibilità assicurata dall'assistenza dello Spirito Santo).
Chi non credesse alle solenni definizioni dogmatiche fatte dai Papi, o anche solo ne dubitasse, peccherebbe contro la fede, e se rimanesse ostinato in questa incredulità, non sarebbe più cattolico, ma eretico.
L'infallibilità del Papa fu definita dalla Chiesa nel Concilio Vaticano Primo, e se alcuno presumesse di contraddire a questa definizione sarebbe eretico e scomunicato.
La Chiesa, con tale pronunciamento, non ha stabilito una nuova verità di fede, ma ha solo definito, per opporsi a nuovi errori, che l'infallibilità del Papa, contenuta già nella Sacra Scrittura e nella Tradizione, è una verità rivelata da Dio, e quindi da credersi come dogma o articolo di fede.
I Vescovi sono i Pastori dei fedeli, posti dallo Spirito Santo a reggere la Chiesa di Dio nelle sedi a loro affidate, sotto la dipendenza del Romano Pontefice. Ognuno nella propria diocesi è il Pastore legittimo, il Padre, il Maestro, il superiore di tutti i fedeli, ecclesiastici e laici, che appartengono alla diocesi stessa. Pastore legittimo, perché il potere che ha di governare i fedeli della propria diocesi, cioè la giurisdizione, gli è stato conferito secondo le norme e le leggi della Chiesa. I Vescovi sono i successori degli Apostoli in ciò che riguarda il governo ordinario della Chiesa. Ogni fedele, ecclesiastico e laico, deve riconoscere, rispettare ed onorare il proprio Vescovo. Ogni Vescovo, nella cura delle anime è aiutato dai sacerdoti, e principalmente dai parrochi, sacerdoti che, sotto la dipendenza del Vescovo, presiedono e dirigono una porzione della diocesi che chiamasi parrocchia.



0 Commenti


Recommended Comments

Non ci sono commenti da visualizzare.

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×

Important Information