Jump to content

CATECHISMO DELLA DOTTRINA CRISTIANA; Parte IV; CAPO VI. Della Penitenza; 6. Dell'accusa dei peccati al confessore

Sign in to follow this  
Valerio

37 views

Dopo di esserci ben disposti coll'esame, col dolore e col proponimento, dobbiamo andare a fare al confessore l'accusa dei nostri peccati, per averne l'assoluzione. Siamo obbligati a confessarci di tutti i peccati mortali; è bene però confessare anche i veniali. Le condizioni principali che deve avere l'accusa dei peccati sono cinque: deve essere umile, intera, sincera, prudente e breve.
Umile vuol dire che il penitente deve accusarsi dinanzi al suo confessore, senza alterigia di animo o di parole, ma coi sentimenti di un reo, che riconosce la sua colpa e compare davanti al giudice.
Intera vuoi dire che si debbono manifestare con le loro circostanze e nel loro numero tutti i peccati mortali commessi dopo l'ultima confessione ben fatta e dei quali si ha coscienza.
Perché l'accusa sia intera, si devono manifestare le circostanze che mutano la specie del peccato, vale a dire:

1. quelle per le quali un'azione peccaminosa da veniale diventa mortale;

2. quelle per le quali un'azione peccaminosa contiene la malizia di due o più peccati mortali.

Un esempio di circostanza che trasforma un peccato da veniale in mortale, può essere quello di una bugia detta per scusarsi, ma dalla quale deriva un grave danno per il prossimo, in tal caso la bugia da ufficiosa diverrebbe gravemente dannosa. Un'azione che contenga la malizia di due o più peccati mortali, può, invece, essere ad esempio il furto di un oggetto sacro, che unisce al ladrocinio la malizia del sacrilegio.
Se taluno non fosse certo di aver commesso un peccato, non è obbligato a confessarsene; se però volesse accusarlo, dovrà aggiungere che non è certo di averlo commesso. Chi non ricorda precisamente il numero dei suoi peccati, deve accusarne quello approssimativo.
Chi ha taciuto per pura dimenticanza un peccato mortale, o una circostanza necessaria, ha fatto comunque una buona confessione purché abbia usata la debita diligenza per ricordarsene. Se un peccato mortale dimenticato nella confessione torna poi in mente, siamo obbligati senza dubbio ad accusarlo la prima volta che ci confessiamo nuovamente.
Colui che per vergogna o per qualche altro motivo tace colpevolmente qualche peccato mortale in confessione, profana il sacramento e perciò si fa reo di un gravissimo sacrilegio. Chi ha taciuto colpevolmente qualche peccato mortale nella confessione, deve esporre al confessore il peccato taciuto, dire in quante confessioni l'abbia taciuto e riaccusarsi di tutti gli altri peccati commessi dall'ultima ben fatta. Chi fosse tentato a tacere un peccato grave in confessione deve considerare:

1. che non ha avuto rossore di peccare alla presenza di Dio, che tutto vede;

2. che è meglio manifestare i propri peccati al confessore in segreto, che vivere inquieto nel peccato, fare una morte infelice ed essere perciò svergognato nel dì del giudizio universale in faccia a tutto il mondo;

3. che il confessore è obbligato al sigillo sacramentale sotto gravissimo peccato e con la minaccia di severissime pene temporali ed eterne.

La sincerità nell'accusa significa che bisogna dichiarare i propri peccati quali sono, senza scusarli, diminuirli o accrescerli. La confessione deve essere, inoltre, prudente, vuol dire che nel confessare i peccati dobbiamo servirci dei termini più modesti, e che dobbiamo guardarci dallo scoprire i peccati degli altri.
La confessione deve essere breve, significa che non dobbiamo dire niente d'inutile al confessore.
Sebbene il confessare ad un altro i propri peccati possa essere gravoso, bisogna farlo, perché é di precetto divino e altrimenti non si può ottenere il perdono dei peccati commessi, e inoltre perché la difficoltà di confessarsi è compensata da molti vantaggi e da grandi consolazioni.

Sign in to follow this  


0 Comments


Recommended Comments

There are no comments to display.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...

Important Information