Jump to content
Sign in to follow this  
  • entries
    36
  • comments
    0
  • views
    7,605

Entries in this blog

USQUE AD EFFUSIONEM SANGUINIS; Le 16 eroiche carmelitane martiri di Compiegne

USQUE AD EFFUSIONEM SANGUINIS; Le 16 eroiche carmelitane martiri di Compiegne

"La “dichiarazione dei diritti dell’uomo”, promulgata in base ai principi di “libertà, uguaglianza e fraternità” senza Dio e contro Dio, a Parigi il 26 luglio 1789, all’inizio della Rivoluzione francese, condusse subito alla proibizione di offrire a Dio i voti e alla soppressione degli Ordini religiosi. Secondo i “rivoluzionari”, non può essere libero chi si consacra a Dio con i voti – sicuramente vi è stato costretto – ed è pertanto compito della “Nazione” liberarlo. E se non vuole essere liber

Valerio

Valerio

 

APPELLO PER LA FONDAZIONE DI NUOVE SCUOLE CATTOLICHE

"Siete disperati della situazione nella scuola dei vostri figli o volete contribuire a migliorare la situazione educativa nel nostro paese in generale? Non lasciate le mani in tasca; ci sono delle congregazioni di suore legati al rito antico che hanno suore giovani e che potrebbero aprire nuove scuole elementari o un collegio femminile con un profilo chiaramente cattolico anche in Italia. Chiedetele l’apertura di nuove scuole. Aiutatele nella ricerca di strutture

Valerio

Valerio

L'ALTISSIMA DIGNITA' DEL MINISTERO SACERDOTALE

L'ALTISSIMA DIGNITA' DEL MINISTERO SACERDOTALE

Sappiamo che S. Francesco d'Assisi non volle diventare Sacerdote perché si riteneva troppo indegno di così eccelsa vocazione. Venerava i Sacerdoti con tale devozione da considerarli suoi "Signori", poiché in essi vedeva solamente "il Figlio di Dio"; in particolare venerava le mani dei Sacerdoti, che egli baciava sempre in ginocchio con grande devozione; e anzi baciava anche i piedi e le stesse orme dove era passato un Sacerdote. Il S. Curato d'Ars diceva: "Si dà un gran valore agli oggetti che

Valerio

Valerio

SANTA CATERINA DA SIENA CONTRO IL PECCATO IMPURO CONTRO NATURA

SANTA CATERINA DA SIENA CONTRO IL PECCATO IMPURO CONTRO NATURA

La grande Santa Caterina da Siena, mistica e Dottore della Chiesa, Patrona d'Italia e Compatrona d'Europa, teologa e maestra di spiritualità, nel "Dialogo della divina Provvidenza", in cui raccoglie gli insegnamenti ricevuti da Gesù stesso, riporta le parole che Egli le disse riguardo al peccato impuro contro natura ed a coloro che lo praticano: «Non solo essi hanno quell’immondezza e fragilità, alla quale siete inclinati per la vostra fragile natura (benché la ragione, quando lo vuole il libero

Valerio

Valerio

LA SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH; Modello sublime e ineffabile della verità e santità della "FAMIGLIA", secondo il meraviglioso ordine naturale disegnato dall'AMORE di Dio.

LA SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH; Modello sublime e ineffabile della verità e santità della "FAMIGLIA", secondo il meraviglioso ordine naturale disegnato dall'AMORE di Dio.

Più tardi il Vangelo, parlando della vita di Gesù fra Maria e Giuseppe a Nazareth, la descriverà con queste sole parole: “Ed era loro sottomesso. E la madre custodiva nel suo cuore tutte queste cose, e Gesù cresceva; in sapienza, in età e in grazia davanti a Dio e davanti agli uomini” (Lc 2,51.52). Per quanto breve sia in questo caso il testo sacro, esso scopre tuttavia al nostro sguardo una luminosa visione d’ordine e di pace, nell’autorità, nella sottomissione, nella dipendenza e nei mutui rap

Valerio

Valerio

San Francesco ci mostra il senso della Missione Cristiana: portare a tutte le anime la Verità del Vangelo, per convertirle a Cristo, disposti, a tal fine, a subire il martirio

San Francesco ci mostra il senso della Missione Cristiana: portare a tutte le anime la Verità del Vangelo, per convertirle a Cristo, disposti, a tal fine, a subire il martirio

Tommaso da Celano, nella "Vita Prima", così scrive: Nel tredicesimo anno dalla sua conversione, partì per la Siria, e mentre infuriavano aspre battaglie tra cristiani e pagani, preso con sé un compagno, non esitò a presentarsi al cospetto del Sultano (Melek-el-Kamel). Chi potrebbe descrivere la sicurezza e il coraggio con cui gli stava davanti e gli parlava, e la decisione e l’eloquenza con cui rispondeva a quelli che ingiuriavano la legge cristiana? Prima di giungere al Sultano, i suoi sicari l

Valerio

Valerio

L'umiltà del granello di sabbia

L'umiltà del granello di sabbia

Secondo la sua esperienza, la piccola Santa Teresa di Lisieux confessa che l'ultimo posto è il meno desiderato in una comunità. Tuttavia è sicuramente proprio lì che si trova Gesù. Per esprimere questo concetto ella prende l'immagine di un insignificante granello di sabbia su una grande spiaggia e dice alle sue novizie: «Soprattutto siamo piccole, così piccole che tutti possano calpestarci, senza neppure che noi mostriamo di sentirlo e soffrirne...» «Quale beatitudine essere nascosta così bene c

Valerio

Valerio

San Giuseppe, sommo esempio di fede e virtù

San Giuseppe, sommo esempio di fede e virtù

Tra i tantissimi venerabili santi che si sono succeduti nei secoli, ve n'è uno che purtroppo, sovente, è trascurato o sottovalutato, eppure, dopo la Madonna è assolutamente il più grande. Si tratta di San Giuseppe, al quale l'Eterno Padre affidò il suo Figliuolo diletto, lo Spirito Santo la sua purissima Sposa, e Maria Vergine tutti i tesori della sua Verginità. Tali doni supremi egli ha sempre custodito e curato con incomparabile rettitudine e virtù. Il suo cuore era un braciere ardent

Valerio

Valerio

San Pio da Pietralcina c'insegna cos'è davvero la Santa Messa.

San Pio da Pietralcina c'insegna cos'è davvero la Santa Messa.

La Messa non è un banchetto, un convito, un'assemblea o un ritrovo festoso, non è un momento di allegria, di svago o intrattenimento. Essa è realmente e sostanzialmente lo stesso Sacrificio della Croce di Nostro Signore Gesù Cristo, che si rinnova incruentemente, ma sostanzialmente, riofferto da Cristo Stesso al Padre, per mezzo del sacerdote, per la nostra salvezza e donato a noi nel Suo Corpo e nel Suo Sangue per la vita eterna. L'Eucarestia è stato il centro di tutta la vita di Padre Pio, d

Valerio

Valerio

MESSA NEL RITO TRADIZIONALE TRIDENTINO, LIMPIDA PUREZZA E STRAORDINARIA POTENZA CHE IL DEMONIO NON PUO' TOLLERARE

MESSA NEL RITO TRADIZIONALE TRIDENTINO, LIMPIDA PUREZZA E STRAORDINARIA POTENZA CHE IL DEMONIO NON PUO' TOLLERARE

“La Messa è sempre Messa, si, ma… l’Efficacia cambia: questa proprio è insopportabile!” (satana) Questo mi grida - dice un sacerdote esorcista - il Demonio (per sommi capi) ogni qualvolta costringo qualche “paziente” a venire con me alla S. Messa, ad assistere al Divin Sacrififcio così come tramandato nella Chiesa Cattolica Romana per secoli, così come lo hanno celebrato migliaia di Santi, in modo Tradizionale, secondo il rito di San Pio V (Giovanni XXIII). Noto veramente un efficacia maggio

Valerio

Valerio

L'eroico esempio di Santa Giacinta e dei pastorelli di Fatima, nel messaggio profetico delle Apparizioni

L'eroico esempio di Santa Giacinta e dei pastorelli di Fatima, nel messaggio profetico delle Apparizioni

"Il disprezzo dei comandamenti di Dio significa empietà e l’empietà conduce alla dannazione eterna di molte anime. Nel suo messaggio in Fatima la Madre di Dio ha indicato i peccati contro la castità e il disprezzo per la santità del matrimonio come la causa più frequente della dannazione eterna delle anime. La Vergine Maria diceva a Santa Giacinta che “i peccati che portano più anime all’inferno sono i peccati della carne e che saranno introdotte certe mode che molto offenderanno Nostro Signore.

Valerio

Valerio

La prima confessione di santa Teresina di Lisieux

La prima confessione di santa Teresina di Lisieux

Mia cara Madre! Con che cura lei mi aveva preparata, dicendo che avrei detto non ad un uomo, ma al Buon Dio i miei peccati. Ne ero veramente convinta, così che feci la mia confessione con un grande spirito di fede e le domandai perfino se non dovevo dire a don Ducellier che l'amavo con tutto il cuore, visto che avrei parlato al Buon Dio tramite la sua persona... Bene istruita di tutto quello che dovevo dire e fare, entrai nel confessionale e mi inginocchiai; ma don Ducellier aprì la grata e non

Valerio

Valerio

SAN GERARDO MAIELLA; La paziente carità nella prova

SAN GERARDO MAIELLA; La paziente carità nella prova

San Gerardo Maiella (1726-1755) nacque da un'umile famiglia di Muro Lucano. Fin da ragazzino aveva ardentemente desiderato entrare nell'Ordine dei Redentoristi, ma ebbe molte difficoltà, perché non disponeva di dote. Quando infine ce la fece la sua gioia fu immensa. Accadde, però, dopo qualche tempo, che si trovò a dover affrontare la più grande prova della sua vita. Una certa Nerea Caggiano lo calunniò presso i suoi (di San Gerardo) superiori, accusandolo di avere una morbosa relazione lussurio

Valerio

Valerio

IL SONNO PIU' DOLCE

IL SONNO PIU' DOLCE

Santa Bernadette Soubirous, la beata veggente di Lourdes, lasciò questa vita a soli 35 anni, per un grave e dolorosissimo cancro alle ossa. Verso la fine del suo cammino terreno, trovandosi all'estremo della sua sofferenza, recitava un numero sempre maggiore di Rosari, giorno e notte. In particolare raccomandava, in particolare, ad una sua consorella: "Alla sera, quando andate a dormire, prendete la corona e addormentatevi recitandola. Farete come quei bambini che si addormentano chiamando: mamm

Valerio

Valerio

ECUMENISMO: Il peggior nemico dell'Immacolata

ECUMENISMO: Il peggior nemico dell'Immacolata

Quando nel 1933 il Movimento Ecumenico cominciò ad affermarsi, San Massimiliano Maria Kolbe lo identificò, secondo la sua vera deleteria natura, come il nemico della Beata Vergine Maria, un male da combattere e da sconfiggere. Il Santo francescano affidò, infatti, ai suoi Cavalieri dell'Immacolata il compito essenziale di convertire tutto il mondo alla Chiesa Cattolica. Egli diceva:«Soltanto quando tutti gli scismatici e i protestanti professeranno il Credo cattolico con convinzione e quando tut

Valerio

Valerio

Cominciare santamente il nuovo anno

Cominciare santamente il nuovo anno

San Francesco di Sales, Vescovo e dottore della Chiesa, era solito trascorrere le ultime ore di ogni anno e le prime di quello successivo in fervente preghiera, operando un attento esame del suo cuore onde, egli diceva, "domandar perdono del passato e disporsi a far meglio per l’avvenire". Ugualmente raccomandava questa santa pratica ai suoi figli spirituali. Il 1° gennaio 1613 le Religiose della Visitazione cominciarono a recitare in comune le litanie del S. Nome di Gesù, e il Santo Fondatore,

Valerio

Valerio

San Giovanni Bosco. Il serpente e il Rosario

San Giovanni Bosco. Il serpente e il Rosario

Nel febbraio del 1848 il marchese Roberto d’Azeglio, amico personale di Carlo Alberto e senatore del Regno, onorò l’Oratorio di Don Bosco di una sua visita. Il Santo lo accompagnò a visitare tutta la casa. Il marchese espresse la sua viva compiacenza, ma con una riserva. Definì tempo perduto quello occupato a recitare il Rosario. — Lasci — disse — di far recitare quell’anticaglia di 50 Ave Maria infilzate una dopo l’altra. — Ebbene — rispose Don Bosco —, io ci tengo molto a tale pratica; e s

Valerio

Valerio

SAN FILIPPO NERI CI SPIEGA LA NOCIVITA' DELLA MALDICENZA

SAN FILIPPO NERI CI SPIEGA LA NOCIVITA' DELLA MALDICENZA

"Un giorno a Roma andò a confessarsi da San Filippo Neri una donna molto pia, ma facile alla maldicenza e perfino alla calunnia. Il santo ascoltò pazientemente la penitente, poi le disse:"Come penitenza, prenderai una gallina, percorrerai le vie principali di Roma, strappandole lentamente le piume, che getterai al vento. Poi ritorna da me" La donna ubbidì. Al suo ritorno il santo aggiunse:"La penitenza non è ancora finita. Ora devi rifare le strade percorse e raccogliere tutte le piume che hai s

Valerio

Valerio

La LUCE nel buio

La LUCE nel buio

"Benedetta Bianchi Porro nacque a Dovadola, in provincia di Forlì, l’8 agosto del 1936. La sofferenza l’accompagnò sin dall’inizio: a tre anni fu colpita dalla poliomelite, la gamba destra non cresceva come l’altra. Vane le operazioni al “Rizzoli” di Bologna per cercare di dare alla bambina una camminatura normale. Anzi, ella era costretta a portare un busto ortopedico per sorreggere la spina dorsale. La sofferenza però non le tolse quella tipica gioia che caratterizza un’infanzia serena, trasco

Valerio

Valerio

Solo l'amore di Dio è perfetto

Solo l'amore di Dio è perfetto

"Il cuore mio sensibile e affettuoso si sarebbe dato facilmente se avesse trovato un altro cuore atto a capirlo. Cercai di fare amicizia con le bambine dell'età mia, soprattutto con due, volevo loro bene, e da parte loro esse mi amavano quanto sapevano e potevano; ma ahimè! com'è angusto e volubile il cuore delle creature! Ben presto vidi che il mio affetto non era compreso. Una delle amiche dovette rientrare in famiglia, e tornò qualche mese dopo; durante la sua assenza io avevo pensato a lei c

Valerio

Valerio

LA SCONFINATA PIETA' DELL'IMMACOLATA PER I PECCATORI E LA SUA STRAORDINARIA ASSISTENZA VERSO ESSI

LA SCONFINATA PIETA' DELL'IMMACOLATA PER I PECCATORI E LA SUA STRAORDINARIA ASSISTENZA VERSO ESSI

Dal libro di Sant'Alfonso Maria de' Liguori "Le glorie di Maria". "Quanto sia grande la pietà per i miseri peccatori, la nostra Avvocata lo mostrò mirabilmente verso Beatrice, monaca nel monastero di Fontevrault, come riferiscono il monaco cistercense Cesario e il padre Rho. Questa infelice religiosa, vinta dalla passione per un certo giovane, stabilì di fuggire con lui. Così, un giorno depose davanti a un’immagine di Maria le chiavi del monastero di cui era portinaia e sfacciatamente se

Valerio

Valerio

SAN GIUSEPPE MOSCATI CI INCORAGGIA AD AMARE E DIFENDERE SEMPRE LA VERITA' DELLA FEDE CATTOLICA, DIMOSTRANDO LA NOSTRA FEDELTA' AD ESSA SENZA PAURA, A QUALUNQUE COSTO

SAN GIUSEPPE MOSCATI CI INCORAGGIA AD AMARE E DIFENDERE SEMPRE LA VERITA' DELLA FEDE CATTOLICA, DIMOSTRANDO LA NOSTRA FEDELTA' AD ESSA SENZA PAURA, A QUALUNQUE COSTO

«Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio». Biglietto scritto da Giuseppe Moscati il 17 ottobre 1922

Valerio

Valerio

STORIA DI UN'ANIMA (Santa Teresina di Lisieux) 21-24

STORIA DI UN'ANIMA (Santa Teresina di Lisieux) 21-24

21 –Ero fierissima delle mie sorelle grandi, ma quella che era il mio ideale di bimba, era Paolina... Quando cominciai a parlare, se Mamma mi domandava: «A che pensi?» la risposta non cambiava mai: «A Paolina». Un'altra volta lasciavo scorrere il ditino sui vetri e dicevo: «Scrivo: Paolina! ...». Spesso udivo dire che Paolina certamente si sarebbe fatta religiosa: allora pensavo, senza sapere bene di che si trattasse: «Sarò religiosa anch'io». Quello è uno dei miei primi ricordi, e da allora non

Valerio

Valerio

STORIA DI UN'ANIMA (Santa Teresina di Lisieux); Paragrafi: 25 - 30

STORIA DI UN'ANIMA (Santa Teresina di Lisieux); Paragrafi: 25 - 30

25 –Ecco un brano di una lettera di Mamma che le mostrerà Celina dolce e me cattiva: «La mia Celina è proprio disposta alla virtù, è il sentimento intimo del suo essere, ha un’anima candida ed ha orrore del male. Quanto al furicchio, non si sa come butterà. E un cosino tanto piccino e tanto stordito! E anche più intelligente di Celina, ma meno dolce assai, e soprattutto di un’ostinazione quasi invincibile; quando dice no, niente da fare; la metti in cantina tutta una giornata, lei ci

Valerio

Valerio

La Cresima di Santa Teresina

La Cresima di Santa Teresina

Poco tempo dopo la mia prima comunione entrai di nuovo in ritiro per la cresima. Mi ero preparata con molta cura a ricevere la visita dello Spirito Santo, e non potevo concepire come si potesse fare poca attenzione, nel ricevere questo sacramento d'Amore. Di solito si faceva solo un giorno di ritiro per la cresima, ma poiché monsignore non poté venire nel giorno fissato, ebbi la consolazione di avere due giorni di solitudine. Per distrarci, la maestra ci condusse al Monte Cassino, dove colsi a p

Valerio

Valerio

Sign in to follow this  
×
×
  • Create New...

Important Information